1bc7911eadafda5db0a0ba241d25830c.jpg Fonte foto: ANSA
TECH NEWS

Facebook:datagate,indagine procura Roma

Verifiche su possibili violazioni dati. Nessun indagato nè reati

(ANSA) – ROMA, 23 MAR – Lo scandalo “datagate” arriva in Procura a Roma. I pm di piazzale Clodio hanno, infatti, aperto un fascicolo di indagine, al momento senza indagati o ipotesi di reato, dopo la presentazione da parte del Codacons di un esposto che ha come obiettivo quello di verificare l’eventuale coinvolgimento di utenti italiani che hanno profili su Facebook nella vicenda che ha coinvolto anche il Ceo del social network, Mark Zuckerberg. L’indagine è stata affidata dal procuratore capo, Giuseppe Pignatone all’aggiunto, Angelo Antonio Raganelli, che ha la delega sui reati informatici e relativi alla privacy.

Utilizzo dei dati sensibili e possibili interferenze anche in relazione alle scelte politiche: i pm della Procura sono chiamati a verificare se anche per l’Italia ci siano state società, come nel caso di Cambridge Analytica, che abbiano attinto dallo sterminato bacino di utenti di Fb. L’esposto del Codacons è stato depositato in altre 103 procure oltre che al Garante della Privacy.

Contenuti sponsorizzati