3db3a97dd168d1fa92fcb0f4c24736b1.jpg Fonte foto: ANSA
TECH NEWS

Fake news evitabili come lo spam

Nuovo mercato per piccole startup e colossi informatici

(ANSA) – ROMA, 11 DIC – Se i colossi di Internet come Google, Facebook e Twitter faticano a contrastare il fenomeno delle fake news, per piccole e grandi aziende informatiche la lotta alla disinformazione si sta rivelando un nuovo promettente mercato che potrebbe portare, in futuro forse non troppo lontano, a dei risultati paragonabili alla lotta contro lo spamming.

Start-up e aziende di piccole e medie dimensioni, nate per servizi di cyber-sicurezza o persino per la lotta al terrorismo, secondo quanto riporta il Financial Times, stanno cominciando a fornire con successo servizi a pagamento per difendere la reputazione dei loro clienti, utilizzando anche tecniche sviluppate contro gli hacker e di intelligenza artificiale.

New Knowledge, una startup texana fondata da un blogger divenuto esperto nell’uso dei social media da parte dell’Isis, ha visto raddoppiare i suoi ricavi negli ultimi sei mesi, quando ha cominciato ad occuparsi di disinformazione online.

Contenuti sponsorizzati