b70ac259b8a9bc4751232c6ddb28f959.jpg Fonte foto: ANSA
TECH NEWS

Fake news su siti fact-checking

Nyt scova pubblicità con bufale,veicolate da piattaforma Big G

(ANSA) – ROMA, 18 OTT – Le fake news, le bufale online che inquinano il web, finiscono anche dove meno ce lo aspettiamo: sui siti di organizzazioni che si occupano di fact-checking, ovvero la verifica di informazioni per il mondo dei media. A sollevare il caso è il New York Times che ha scovato su PolitiFact e Snopes, siti nati per smascherare fake news, pubblicità veicolata dalla piattaforma Ads di Google, quella che si occupa di annunci. Avevano titoli e richiami a notizie false, che Big G ha subito rimosso.

Gli episodi riportati dal New York Times risalgono alla fine della scorsa settimana. Su Snopes e PolitiFact sono comparsi annunci pubblicitari forniti da Google con titoli esca e dal contenuto falso, tipo Melania Trump che abbandona la Casa Bianca. Questi link indirizzavano gli utenti su pagine web fraudolente, del tutto simili a quelle di magazine ben noti come Vogue o People, per poi propinare pubblicità a prodotti di bellezza.

Contenuti sponsorizzati