Fattura elettronica al PC Fonte foto: Shutterstock
SMART EVOLUTION

Fattura elettronica, in un anno 2 miliardi di documenti inviati

Nel primo “anno di attività”, la fattura elettronica ha fatto segnare numeri più che positivi. I documenti inviati sono stati oltre 2 miliardi

C’è voluto meno tempo del previsto. Dopo qualche incertezza – e lamentela – iniziale, i contribuenti italiani hanno subito “fatto amicizia” con la fatturazione elettronica, utilizzandola in maniera piuttosto capillare. Nel primo anno di utilizzo, fa sapere il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Sistema di Interscambio ha ricevuto oltre 2 miliardi di documenti fiscali.

Resa obbligatoria per tutte le attività produttive, aziende e professionisti a partire dal 1 gennaio 2019 (fatta eccezione per le partite IVA al regime dei minimi o forfettarie, che ancora possono utilizzare documenti fiscali cartacei), la fatturazione elettronica tra privati garantisce vantaggi economici e organizzativi tanto alle imprese e ai professionisti, quanto ai “semplici” contribuenti. Inviare (e ricevere) documenti fiscali elettronici, infatti, fa risparmiare tempo, consente di integrare il processo di fatturazione in quello di produzione e velocizzare quello di pagamento.

Per aziende e professionisti, però, sarà fondamentale scegliere un software amministrativo che consenta loro di poter sfruttare al massimo tutti i vantaggi della fatturazione elettronica. Libero SiFattura, ad esempio, offre tre “pacchetti” differenti tra i quali scegliere, di cui uno GRATIS, caratterizzati da funzionalità differenti. Basterà confrontare i vari strumenti offerti dai singoli piani tariffari per trovare quello che meglio si adatta alle esigenze della propria attività produttiva.

Fino al 30 settembre 2020, inoltre, tutti i titolari di Partita IVA potranno attivare gratuitamente uno dei due piani a pagamento (Lite e Pro). L’iniziativa fa parte del progetto “Solidarietà digitale” promosso dal ministero per l’Innovazione e dà diritto a utilizzare per un anno, senza costi aggiuntivi, il software gestionale-amministrativo di Italiaonline.

Un anno di fattura elettronica: i numeri

Come accennato, il 2019 è stato un anno molto positivo per la fatturazione elettronica. Se si tiene conto che si tratta anche del primo anno di piena operatività (dal 2015 al 31 dicembre 2018 era obbligatoria solo per le aziende che operavano con la pubblica amministrazione), il quadro che emerge è addirittura più positivo.

Nei primi 12 mesi di fattura elettronica 3 milioni 865 mila soggetti hanno emesso 2 miliardi e 20 milioni di documenti fiscali, per un totale di 2.926 miliardi di euro fatturati. Il 2,42% delle fatture emesse è stato scartato per problemi di varia natura, così le fatture archiviate dal Sistema di Interscambio sono poco meno di 2 miliardi (1 miliardo 969 milioni, per l’esattezza). Di questi, il 54% è scambio di fatture tra aziende (B2B), il 44% tra aziende e clienti (B2C), mentre il restante 2% sono fatture scambiate tra aziende ed enti governativi (B2G).

Crea e invia le tue fatture elettroniche facilmente!Scegli la comodità e la convenienza di Libero SiFattura

SCOPRI DI PIÙ

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963