fatturazione elettronica Fonte foto: Shutterstock
SMART EVOLUTION

Fattura elettronica obbligatoria anche per i forfettari? La proposta del governo

Anche per le partite IVA in regime forfettario potrebbe arrivare l’obbligo di fatturazione elettronica: la proposta del governo.

La fatturazione elettronica potrebbe diventare obbligatoria anche per le partite IVA che aderiscono ai regimi agevolati, come il forfettario. Questa la richiesta che il ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) si prepara a richiedere all’Unione europea insieme alla proroga dell’autorizzazione per l’adozione della fattura elettronica, in scadenza il prossimo 31 dicembre 2021.

L’obbligo di fatturazione elettronica e la relativa scadenza sono stati concessi dal Consiglio europeo con la decisione 2018/593, che ha dato il via libera all’introduzione dello strumento digitale anche tra privati. L’obiettivo è un fisco sempre più digitale, che permetterà così di contrastare l’evasione fiscale. Ad anticipare le possibili richieste del governo italiano all’Ue è stata Fabrizia Lapecorella, direttore generale delle Finanze del MEF, durante l’audizione sulla riforma Irpef del 26 marzo 2021. Il ministero lavora dunque alla richiesta di una proroga fino al 2024, che riguarderà l’estensione anche ai regimi agevolati. Se la misura sarà approvata, scatterà l’obbligatorietà di fatturazione elettronica anche per i forfettari.

Fattura elettronica obbligatoria: le proposte del MEF

Come anticipato dalla Lapecorella, il MEF sta lavorando per richiedere alla Commissione europea la proroga dell’obbligo di fatturazione elettronica almeno fino al 2024. In parallelo, potrebbe arrivare la proposta di estendere l’obbligo di fattura elettronica anche alle partite IVA dei regimi forfettari, nell’ottica di un maggior contrasto all’evasione fiscale e alla semplificazione delle pratiche.

A partire dal 1° gennaio 2019 l’obbligo di fattura elettronica è entrato in vigore per le partite IVA e le imprese, mentre per i forfettari l’adesione è stata su base volontaria. D’altronde, secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate, anche un numero elevato di soggetti che applica i regimi forfettari ha aderito volontariamente al sistema elettronico, anche grazie agli strumenti gratuiti messi a disposizione da diversi servizi come il piano Basic di Libero SiFattura, che fino al 30 giugno 2021 include SiFattura Pro per chi rientra nel regime dei minimi o dei forfettari.

Fatturazione elettronica per i forfettari: i vantaggi

Nonostante la mancanza di un vincolo, i dati in possesso dell’Agenzia delle Entrate hanno dimostrato come anche chi gode dei regimi di fiscalità agevolata abbia scelto la fatturazione elettronica. D’altronde questo sistema offre numerosi vantaggi, in primis la riduzione del termine di decadenza degli accertamenti fiscali, che passa a 4 anni per chi emette solo fatture elettroniche rispetto ai 5 anni di chi sceglie quelle cartacee.

Inoltre, i professionisti dei regimi forfettari potranno usufruire della semplicità e velocità di gestione dei documenti, risparmiando tempo e quindi soldi per l’organizzazione della contabilità. Ad esempio, con il piano Pro di Libero SiFattura si potranno ottenere funzioni aggiuntive come la multiutenza, che consente di condividere con il proprio commercialista l’accesso al gestionale amministrativo, così da tenere sempre in ordini i propri conti.

Hai una partita IVA senza obbligo di fatturazione elettronica?Per te c´è SiFattura, un gestionale gratuito per ricevere, visualizzare e gestire tutte le fatture che ti mandano!

SCOPRI DI PIÙ

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963