app android Fonte foto: ymgerman / Shutterstock.com
ANDROID

Google elimina 27 app pericolose dal Play Store: quali sono

Google ha rimosso dallo store online 27 app che obbligavano l'utente a installare un falso Google Play Store e mostravano pubblicità ingannevoli: quali sono

21 Agosto 2019 - Dopo l’accurata e precisa segnalazione proveniente da Quick Heal, società indiana che sviluppa un diffuso antivirus, Google ha rimosso dal Play Store 27 app ritenute pericolose. La caratteristica comune a tutte le app è il fatto che invitavano l’utente a scaricare una versione fake del Google Play Store.

Questa app fasulla, la cui installazione veniva richiesta con insistenza all’utente, conteneva invece un adware. Anche rimuovendo l’applicazione, poi, essa restava attiva in background. La combinazione di una di queste 27 applicazioni (in realtà praticamente tutte uguali tra loro) con quella del Play Store falso, quindi, risultava pericolosa e per tanto Google le ha rimosse in blocco. A rendere più insidiosa la trappola, poi, c’è il fatto che alcuni videogiochi (assolutamente legittimi) necessitano dell’installazione di un’app chiamata Google Play Games. Quindi alcuni utenti potevano essere portati a credere che era effettivamente necessario installare anche l’app fake per poter giocare.

Quali sono le 27 applicazioni rimosse dal Play Store

Le 27 app che Google ha rimosso dal suo Play Store dopo la segnalazione di Quick Heal sono tutte dei videogame. Si tratta di 27 applicazioni gemelle chiamate con il nome di una famosa auto sportiva seguito da “AFAD Drift Racer“. C’erano, ad esempio, “Gallardo AFAD Drift Racer“, “Mustang AFAD Drift Racer“, Lancer EVO AFAD Drift Racer” e così via.

Perché erano pericolose le 27 app rimosse da Google

Dopo aver installato e utilizzato una qualunque delle app di cui sopra, mostrava in continuazione una richiesta di installazione di una falsa app del Google Play Store. Se l’utente si rifiutava di installarla, l’app mostrava continuamente il pop-up fino a quando non otteneva ciò che voleva. Se l’app falsa di Google Play Store veniva installata, dopo un’apertura di pochissimi secondi continuava a girare in background e a mostrare annunci pubblicitari a schermo intero. Anche se l’utente non utilizzava l’app, inoltre, venivano comunque visualizzati gli annunci. Questo comportamento è tipico degli adware, cioè i virus che hanno come unico scopo quello di far visualizzare agli utenti migliaia di banner.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963