riconoscimento volto Fonte foto: Shutterstock
SMART EVOLUTION

Google: il tuo volto in vendita in cambio di un coupon da 5 dollari

Google sta acquisendo nuovi volti per migliorare il proprio sistema di riconoscimento del volto. Le persone vengono pagate con buoni da cinque dollari

23 Luglio 2019 - Non è un segreto. Da tempo Google sta lavorando a una nuova tecnologia per lo sblocco dello smartphone attraverso il riconoscimento del volto. L’obiettivo è farlo debuttare sul Pixel 4 e lanciare la sfida al FaceID di Apple. Un lavoro che proprio in questi mesi sta entrando nel momento più importante. Perlomeno è quanto racconta il sito ZDNet.

Stando a quanto dichiarato dal sito d’informazione statunitense, una persona che ha contatti con lo staff di ZDNet è stata fermata per strada a New York da alcuni dipendenti Google (o perlomeno così si sono presentati) per testare il nuovo sistema per il riconoscimento del volto. I dipendenti di Google hanno fornito alla persona uno smartphone e le hanno chiesto di scansionare il suo volto. In cambio ha ricevuto un coupon da 5 dollari da spendere su Amazon o all’interno di Starbucks.

Il test di Google

Come riportato dall’articolo di ZDNet, il beta-tester non è riuscito a capire se il telefono ricevuto fosse effettivamente un prototipo dell’attesissimo Google Pixel 4, ossia una delle due versioni del top di gamma che il colosso di Mountain View dovrebbe lanciare alla fine del prossimo autunno. Secondo la testimonianza del beta-tester, la nuova tecnologia sviluppata da Google è molto simile al FaceID, ma più veloce nella configurazione e nel riconoscimento del viso.

La ricompensa in voucher

Lo scopo del test è quello di raccogliere più dati possibili per migliorare la nuova funzione di riconoscimento facciale e migliorare gli algoritmi di intelligenza artificiale. I dipendenti di Google hanno offerto al beta-tester una ricompensa di cinque dollari in cambio del suo viso.

Cinque dollari in contanti? No, ci mancherebbe, cinque dollari in buoni acquisto da spendere su Amazon o da Starbucks. Praticamente la persona ha venduto il suo volto al colosso americano per cinque dollari in buoni acquisto.