virus Fonte foto: Shutterstock
ANDROID

Google Play Store, eliminate altre due app pericolose: quali sono

Symantec ha scoperto due applicazioni che creavano problemi allo smartphone e mostravano pubblicità malevoli. Sono state prontamente rimosse

30 Agosto 2019 - Un altro sviluppatore e altre due app sono stati cancellati dal Google Play Store: questa volta si tratta di un’app di fitness e una per prendere appunti, entrambe sviluppate da Idea Master. Sono state buttate fuori dallo store di Google perché usavano lo smartphone dell’utente per truffare gli inserzionisti pubblicitari.

Lo ha scoperto la nota compagnia di cybersecurity Symantec, che ha avvertito Google. Poi Google, la settimana scorsa, ha proceduto alla rimozione delle app che si chiamavano, rispettivamente, “Idea Note: OCR Text Scanner, GTD, Color Notes” e “Beauty Fitness: daily workout, best HIIT coach“. Complessivamente le due applicazioni erano state scaricate e installate da oltre 1,5 milioni di persone. Si tratta dell’ennesimo caso, in pochissimo tempo, di app pericolose che passano i controlli del Google Play Store e vengono pubblicate, per essere poi rimosse in seguito ad una segnalazione. Il che non fa bene all’immagine di Google e alimenta ulteriormente le polemiche sulla sicurezza delle app che si possono scaricare dal Play Store.

Come funzionavano le due app rimosse

Entrambe le app erano realmente funzionanti: facevano quel che promettevano. Ma facevano anche altro: all’insaputa dell’utente aprivano banner pubblicitari in background e ci facevano click sopra da sole. Lo smartphone dell’utente, quindi, veniva usato per truffare gli inserzionisti pubblicitari che, come è noto, pagano a ogni click avvenuto. Si tratta della cosiddetta “Ad Fraud“, cioè frode pubblicitaria. Tuttavia, questa truffa avveniva in background e l’utente non aveva modo di accorgersene. Anche per questo le app sono rimaste a lungo sullo store di Google, prima di essere rimosse su segnalazione di Symantec.

Oltre alla frode pubblicitaria, le due app provocavano dei problemi anche allo smartphone: rallentamenti e battery drain, ossia la batteria si scaricava con maggior velocità rispetto al solito. App pericolose non solo per il virus che installavano sul dispositivo, ma anche per i problemi tecnici che provocavano agli smartphone.

Google Play Store ha un problema

Soltanto nel mese di agosto si è saputo che Google ha dovuto eliminare dal suo store decine di app. Tra queste, ce ne erano 27 che facevano persino scaricare una versione fake di Play Store. Un’altra, CamScanner, era così famosa che contava oltre 100 milioni di installazioni. Poi sono state scoperte ben due app che contenevano AhMyth, un virus open source conosciuto ormai da anni. Tutto questo nonostante Google abbia una procedura interna di controllo delle app, necessaria a scremare le app pericolose dal Play Store. Una procedura che, a quanto pare, non è impeccabile e che va ancora affinata un bel po’.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963