hub-cucina Fonte foto: Google
SMART EVOLUTION

Google porta in Italia Nest Hub, l’assistente vocale con schermo

Lo smart screen di Google arriva in Italia con il chiaro obiettivo di diventare il "re" digitale della casa. Ecco le sue specifiche tecniche e le funzionalità

18 Giugno 2019 - Inizialmente sono stati accolti con più di qualche sospetto. Magari ancora acerbi e dal design non troppo curato, i primissimi smart screen messi in circolazione hanno dovuto scontare un’accoglienza tutt’altro che calorosa. Corretti alcuni errori di gioventù e arricchita enormemente la lista delle funzionalità, gli assistenti vocali domestici dotati di schermo sembrano essere destinati a impadronirsi dei salotti, delle cucine e delle camere da letto un po’ ovunque nel mondo.

Ne è un esempio il Nest Hub, lo smart screen di Google recentemente arrivato anche nel nostro Paese. Dotato di uno display da 7 pollici (con cornici un po’ abbondanti, a dir la verità), il Nest Hub sembra un tablet fuso con un altoparlante senza cavi. Il dispositivo sviluppato da Mountain View è questo e, ovviamente, molto di più: può essere utilizzato per ascoltare musica con uno dei tanti servizi di streaming audio compatibili (YouTube Premium, Spotify e altri), vedere video su YouTube, controllare i dispositivi della smart home, ricevere automaticamente informazioni sulla propria giornata (grazie alle routine di Google Assistente) e trasformarsi in un assistente domestico a 360°. Ma procediamo con ordine.

Nest Hub: caratteristiche tecniche

Disponibile nella doppia colorazione grigio chiaro e grigio antracite, il Nest Hub un display touchscreen da 7 pollici (risoluzione 1024×600 pixel) poggiato su una base/altoparlante a forma di parallelepipedo. Piuttosto compatto, lo smart screen di Google pesa meno di mezzo chilo e può essere facilmente posizionato su qualunque mobile di casa. Nella parte alta della cornice trovano spazio due microfoni a lungo raggio e il sensore di luminosità, mentre non è presente alcuna fotocamera. La base, invece, ospita un altoparlante full range capace di garantire un’ottima qualità audio. La connettività è garantita dal Wi-Fi, compatibile con lo standard IEEE 802.11ac, e dal Bluetooth 5.0.

A cosa serve il Nest Hub

Con una scheda tecnica di questo genere, il Nest Hub ha potenzialità infinite, o quasi. Vediamo nel dettaglio.

  • Hub multimediale. L’utilizzo “naturale” del Nest Hub è quello di un centro multimediale grazie al quale ascoltare la propria musica preferita e accedere a miliardi di filmati, video musicali e serie TV grazie a YouTube Premium. Lo smart speaker di Google, ovviamente, può essere sincronizzato e utilizzato con altri servizi di streaming, ma YouTube è un po’ il fulcro del suo lato multimediale
  • Centro di controllo per la smart home. Grazie alle migliaia di dispositivi compatibili con Google Assistente, il Nest Hub può essere utilizzato come centro gestionale per la propria casa domotica. Grazie al display touch e all’interfaccia intuitiva, sarà semplice avere sempre sotto controllo i dispositivi connessi, aggiungerne di nuovi e programmare attività grazie alle routine di Google Assistant
  • Assistente domestico a 360°. Non va dimenticato, però, che il Nest Hub è anche e soprattutto un assistente digitale domestico. Che, grazie al display da 7 pollici, vede moltiplicare in maniera esponenziale le proprie possibilità: non solo risposte vocali, ma anche suggerimenti visivi e capacità di essere d’aiuto nelle situazioni più disparate. Un esempio? Un Nest Hub in cucina può essere un ottimo assistente cuoco. Basta accedere ai contenuti di Buonissimo.it per accedere a migliaia di ricette e sceglierne una differente ogni giorno

Contenuti sponsorizzati