google-stadia Fonte foto: google
TECH NEWS

Google Stadia, lo streaming per videogiochi che sembra Netflix

Google Stadia è una piattaforma di streaming dedicata ai videogame. Arriverà entro la fine dell'anno ed è pronta a cambiare per sempre il mondo videoludico

19 Marzo 2019 - Google aveva annunciato di avere in serbo una sorpresa in grado di cambiare per sempre il mondo dei videogame. E così è stato. Alla Game Developer Conference (GDC), evento dedicato al mondo degli sviluppatori di videogiochi che si sta tenendo in questi giorni a San Francesco, l’azienda di Mountain View ha presentato Google Stadia, un servizio di gaming in streaming pronto a debuttare entro la fine dell’anno.

Per capire immediatamente di che cosa si tratta, immaginate Netflix ma dedicato solamente ai videogame. Non serve nessun hardware per giocare, ma basta avere una connessione a Internet, un abbonamento attivo, un monitor e utilizzare il controller sviluppato appositamente da Google. Big G durante la conferenza ha spiegato anche l’infrastruttura messa in piedi per dar vita a Google Stadia: sono stati attivati migliaia di server che permetteranno di giocare da qualsiasi dispositivo senza nessun problema di lag o di prestazioni. L’hardware verrà messo a disposizione direttamente da Google e assicurerà una potenza superiore a quella della Xbox One X e della PlayStation 4 Pro. Google Stadia è pronto a rivoluzionare il mondo dei videogame: in futuro le console saranno ancora utili?

Da Project Stream a Google Stadia

Non è certo una sorpresa che Google stesse lavorando a una piattaforma di streaming per il gaming. Ma in pochi potevano immaginare un sistema così avanzato in grado di funzionare su qualsiasi dispositivo e anche con una connessione lenta. L’antenato di Google Stadia è Project Stream, progetto che Google aveva rilasciato in beta negli Stati Uniti e che stava riscuotendo un buon successo. Google Stadia è la sua naturale evoluzione. L’obiettivo dell’azienda di Mountain View è rendere i videogiochi accessibili a tutti: non è più necessario avere una console, ma basta un abbonamento e un monitor.

Le caratteristiche di Google Stadia

Durante la presentazione Google ha mostrato anche alcune delle funzionalità di Google Stadia. La piattaforma si integrerà alla perfezione con l’ambiente Google. Mentre state vedendo un video su YouTube, apparirà il pulsante “Play” e immediatamente verrete indirizzati su Google Stadia e potrete iniziare a giocare. YouTube si trasformerà da semplice sito dove vedere i trailer dei giochi in un hub che dà accesso al servizio di streaming per il gaming.

Google Stadia avrà anche un controller ad hoc. Big G ne ha mostrato le funzionalità durante la conferenza: integra un pulsante per iniziare lo streaming su YouTube e un microfono per interagire con Google Assistant e chiedere consigli per completare un livello particolarmente difficile.

L’azienda di Mountain View ha assicurato che fin dal debutto tutti i giochi presenti sulla piattaforma supporteranno la risoluzione 4K a 60 frame per secondo. Google ha pensato anche all’hardware che permetterà di avviare i giochi: si chiamerà Stadia GPU e garantirà una potenza superiore a quella della Xbox One X e PlayStation 4 Pro, le due console più potenti presenti sul mercato.

I giochi presenti su Google Stadia

Google non ha annunciato la lista dei videogame che saranno presenti fin dal debutto su Google Stadia, ma ha mostrato solamente un video con protagonista DOOM Eternal. Big G ha assicurato che sta muovendo i primi passi per chiudere accordi strategici con i più importanti player nel mondo dei videogame e che fin dal debutto della piattaforma saranno presenti la maggior parte dei titoli più famosi. Garantito anche il supporto ai giochi multiplayer.

Google Stadia, prezzo e uscita in Italia

Non è stata annunciata una data ufficiale: Google Stadia sarà disponibile entro la fine del 2019 negli Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna e nella maggior parte dei Paesi europei (dovrebbe essere inclusa anche l’Italia). Nessuna notizia anche per quanto riguarda il prezzo: Google Stadia potrebbe adottare una strategia commerciale alla Netflix, facendo pagare un abbonamento mensile, oppure far acquistare ai giocatori ogni singolo titolo. All’E3 2019, la più importante fiera dedicata ai videogame che si tiene a Los Angeles a giugno, ne sapremo sicuramente di più.

Contenuti sponsorizzati