google stret view Fonte foto: Web
APP

Google Street View: che cos'è il Driving Mode

Con il driving mode si può contribuire alla crescita di Google Street View, anche senza avere una fotocamera sferica e senza problemi di privacy.

Google sta testando una nuova funzionalità nell’app per Android di Street View: il Driving Mode. La nuova funzione è già arrivata ad alcuni utenti americani, che l’hanno provata e ne hanno già messo in luce pregi e difetti.

Il Driving Mode, in realtà, è una funzione che esisteva già negli anni scorsi ma che poi è stata rimossa da Google per problemi di privacy: consiste infatti nella possibilità di usare il proprio smartphone come dashcam, registrare un video mentre di guida, si cammina a piedi o si fa un percorso in bicicletta, e poi caricarlo tramite l’app di Street View per sottoporlo a Google. In questo modo possono entrare dentro Street View (e quindi in Google Maps)anche percorsi dove le Google Car non sono arrivate: ad esempio alcuni deserti minori e diverse aree di Africa, Sud America, Medio Oriente e Asia. Al momento è possibile aggiungere video a Google Street View solo usando una fotocamera sferica certificata.

Driving Mode di Street View: come funziona

Dai primi avvistamenti testimoniati su Reddit l’uso del Driving Mode sembrerebbe molto semplice, almeno nella fase della registrazione: basta aprire il menu principale dell’app e la funzione è lì ad aspettarci, identificata con l’icona di una fotocamera.

Dopo aver fatto tap su tale icona compare nella parte bassa dello schermo dello smartphone il pulsante per avviare o interrompere la registrazione. Naturalmente l’app di Street View deve poter avere accesso alla geolocalizzazione per abbinare le immagini registrate alle precise coordinate geografiche.

La parte poco funzionale del Driving Mode sembrerebbe essere quella successiva: l’upload del video registrato. Il video viene infatti salvato nella cartella privata dell’app e gli utenti che stanno provando la funzione suggeriscono di caricare i video uno ad uno per evitare che l’app vada in crash.

A volte, poi, è necessario verificare che il video venga effettivamente visualizzato dopo l’upload, altrimenti è probabile che il caricamento non vada a buon fine. In tal caso gli utenti consigliano di chiudere l’app e riavviarla.

Driving Mode: quando arriva su Street View

Come si può facilmente intuire, quindi, il Driving Mode su Street View è tutt’altro che una funzionalità pronta per il grande pubblico: ancora va affinata parecchio. La cosa bella del Driving Mode è che permette a chiunque, anche a chi non ha una costosa fotocamera sferica, di caricare i propri video su Street View.

Sembra invece risolto il problema di privacy che obbligò anni fa Google a rimuovere una funzionalità simile dall’app: quello derivante dai volti inquadrati durante le riprese. Con il nuovo Driving Mode, infatti, i volti vengono automaticamente individuati e offuscati grazie agli algoritmi di intelligenza artificiale.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963