harmonyOS Fonte foto: Shutterstock
ANDROID

Huawei HarmonyOS, gli smartphone senza Android arrivano a Natale? Facciamo chiarezza

Il sistema operativo mobile di Huawei torna di nuovo a far parlare di sé: cosa c'è di vero nelle indiscrezioni e quando vedremo uno smartphone senza Android.

Nelle ultime ore si è tornati a parlare di HarmonyOS, il sistema operativo di Huawei che è arrivato alla versione 2.0 e che a breve dovrebbe essere disponibile anche per gli smartphone. Cioè gli smartphone senza Android, la soluzione estrema alla quale la stessa Huawei non avrebbe mai voluto arrivare ma che, suo malgrado, potrebbe essere costretta ad adottare a causa dell’ormai ben noto ban di Donald Trump che impedisce a Google di fare affari con l’azienda cinese.

L’ultima notizia riguarda la data: Hongmeng, così si chiama in Cina HarmonyOS, arriverà a dicembre in versione 2.0 per i dispositivi mobili, smartphone compresi. La fonte dell’indiscrezione proviene dal giornale online cinese IT Home, che riporta le parole del direttore della divisione Consumer Software di Huawei Wang Chenglu. IT Home scrive che il manager “afferma che lo sviluppo e la ricerca proseguono bene e tutto sarà pronto per il rilascio a dicembre“. Sempre secondo Chenglu, per come riporta IT Home, la decisione di sviluppare il sistema operativo HarmonyOS risale al 2016, quindi non è da collegare alle attuali vicende geopolitiche. Le parole di Wang Chenglu sono state riportate da alcune testate internazionali specializzate in smartphone cinesi e, tramite loro, sono arrivate anche in Italia. Ma cosa c’è di vero?

HarmonyOS 2.0 a dicembre: si sapeva già

A dire il vero quella riportata da IT Home è una non notizia: Huawei ha detto chiaramente già a settembre, in occasione del lancio di HarmonyOS 2.0 per le smart TV, che entro dicembre sarebbe arrivata la versione beta del sistema operativo per dispositivi mobili. Di beta, infatti, stiamo parlando.

L’articolo di IT Home, inoltre, è del tutto vago in quanto a fonti e a date: non è chiaro se, dove e quando il dirigente Huawei abbia pronunciato quelle parole. E, infatti, la cosa più probabile è che le abbia pronunciate a settembre, non oggi.

Infine, va anche notato che nessuna delle maggiori testate giornalistiche cinesi ha riportato la notizia, cosa che getta ulteriori ombre sull’articolo di IT Home. La sensazione, nonché la cosa più probabile, è che l’articolo serva solo a fare click e attrarre link alla testata.

Questo perché, effettivamente, l’attesa nei confronti di HarmonyOS per smartphone senza Android è altissima. E non solo in Cina.

HarmonyOS: perché è importante

HarmonyOS per smartphone e tablet è veramente molto importante: può rappresentare l’ancora di salvezza per Huawei, innanzitutto sul mercato domestico cinese. Subito dopo nei vicini mercati asiatici e, infine, dopo un po’ di sviluppo anche sui mercati occidentali dove Huawei è un marchio apprezzato dai consumatori, prima di tutto per i suoi prodotti.

Prodotti come il nuovo Huawei Mate 40 Pro, in vendita anche in Italia, che è al momento uno dei pochi smartphone Android top di gamma in grado di fare seria concorrenza in quanto ad appeal ai nuovi iPhone 12. Un prodotto che, dal punto di vista tecnologico, è avanti una spanna rispetto al resto del panorama Android.

Soprattutto grazie al suo SoC Kirin 9000, realizzato con processo produttivo a 5 nm. Di processori per smartphone prodotti a 5 nm, al momento, al mondo ce ne sono solo due: il Kirin 9000 di Huawei e l’A14 Bionic di Apple. E, a proposito di SoC, sempre Chenglu  (e lo riporta sempre IT Home) a fine settembre ha affermato che HarmonyOS sarà distribuito sugli smartphone Huawei dotati di Kirin 9000 (al momento solo la gamma Mate 40), Kirin 990 5G (P40, Mate 30, Honor 30 Pro), Kirin 990 4G, Kirin 820, Kirin 985 (Honor 30), Kirin 980, Kirin 990 4G, Kirin 820, Kirin 810 e Kirin 710. Quindi, praticamente, tutta la gamma Huawei e Honor che dal 2018 in poi è stata prodotta con questa famiglia di processori.

Anche questo conferma l’importanza di HarmonyOS: darà la possibilità a chi ha comprato questi smartphone negli anni passati di poter aggiornare ancora a lungo il sistema operativo, con una politica molto simile a quella adottata da Apple.

HarmonyOS 2.0 per smartphone: quando arriva veramente

Ma veniamo al dunque: quando arriva HarmonyOS 2.0 per i dispositivi mobile? Quando vedremo i primi smartphone Huawei senza Android? Purtroppo non a dicembre, le parole di Wang Chenglu confermano infatti la roadmap già ufficializzata.

Roadmap che prevede, lo ricordiamo, il rilascio della beta a dicembre 2020 ma solo per i dispositivi con un massimo di 128 MB di RAM (in buona sostanza solo gli smartwatch), ad aprile 2021 la versione per dispositivi fino a 4 GB di RAM e, soltanto ad ottobre 2021, la versione per smartphone top di gamma con oltre 4 GB di RAM. E’ possibile che Huawei riesca ad accelerare i tempi, ma non avremo uno smartphone Huawei senza Android da spacchettare per Natale.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963