Libero
microchip Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Il 2022 sarà l'anno dei chip più potenti: cosa aspettarsi

Nel 2022 saranno rilasciati i nuovi Exynos 2200 ed Apple M2 e dovrebbero iniziare i lavori per i primi chipset con processo produttivo a 3 nanometri

Il processore rappresenta il fulcro di ogni smartphone, tablet e computer, che sono tanto più performanti quanto più elevate sono le capacità di elaborazione di questo componente. Tutto gira intorno ad esso e tutto ciò che un dispositivo può fare ha una forte correlazione con le sue prestazioni di calcolo.

Sebbene le caratteristiche di display, fotocamera e audio dipendano dalle capacità del chipset, quest’ultimo necessità di essere sempre accompagnato da un sistema operativo in grado di sfruttarne le potenzialità. Molti produttori riescono egregiamente a raggiungere questo obiettivo, ma per varcare ulteriori confini è sempre necessario il supporto di nuove tecnologie. Da qui nasce la necessità di raggiungere nel più breve tempo possibile il processo produttivo a 3 nanometri che renderebbe i chipset dei prossimi due anni ancora più potenti rispetto agli attuali adoperati da Samsung, Qualcomm e MediaTek.

Exynos 2200: il chip di Samsung per il gaming

Il nuovo chipset di Samsung dovrebbe essere svelato prima della serie Galaxy S22, la quale dovrebbe essere alimentata dallo stesso almeno in alcuni mercati. Finora, l’azienda non si è sbilanciata sulle specifiche del suo processore, anche se ha anticipato che sarà particolarmente adatto per i videogiochi.

In base agli ultimi rumor, dovrebbe essere realizzato con processo produttivo FiNFET a 4 nanometri ed essere supportato da un’unità di elaborazione grafica Radeon Mobile sviluppata in collaborazione con AMD. Per quanto riguarda la connettività, dovremmo trovare modem 5G integrato e WiFi 6E.

Sulla scia dei rivali, dovrebbero mancare un acceleratore IA (anche detto NPU) e l’image signal processor (ISP) per scatti fino a 200 megapixel e video in 8K. Potremmo vederlo all’opera per la prima volta su Galaxy S22, S22+ ed S22 Ultra, attesi al debutto entro marzo.

TSMC: nel 2022 arrivano i chip a 3 nm

Stando a quanto riferisce DigiTimes, la taiwanese TSMC dovrebbe aver iniziato a lavorare sui chipset realizzati con processo produttivo a 3 nanometri e la loro produzione potrebbe partire negli ultimi mesi del 2022.  Ciò significherebbe anticipare di diversi mesi Apple che il prossimo anno dovrebbe fermarsi ai 4 nanometri.

Considerate le incredibili prestazioni promesse dai processori top di gamma di quest’anno, fra cui Snapdragon 8 Gen 1 di Qualcomm, Dimensity 9000 di MediaTek ed Exynos 2200 di Samsung, possiamo solo fantasticare sulle possibilità di sviluppo che garantiranno le tecnologie di prossima generazione sui top di gamma di fine 2022 ed inizio 2023.

Apple: cosa aspettarsi da M2 nel 2022

Al momento Apple sembra temporeggiare e, dopo i 5 nanometri di M1 e delle sue varianti, potrebbe passare al processo produttivo TMSC a 4 nanometri per il prossimo chipset M2, che dovrebbe essere presentato solo nella seconda metà del prossimo anno.

Le varianti M2 Pro ed M2 Max dovrebbero arrivare soltanto nel 2023. Infatti, secondo quanto trapelato, Apple prevede un periodo di sviluppo di 18 mesi prima del loro rilascio. Questo significa che il colosso Cupertino non dovrebbe passare ai 3 nanometri prima di allora e potrebbe farlo soltanto sugli M3.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963