Libero
macbook apple Fonte foto: Nanain / Shutterstock.com
APPLE

Il MacBook Pro più potente di tutti è pronto al lancio: questione di giorni

MacBook Pro è vicino al lancio: lo sostiene il noto giornalista di Bloomberg Mark Gurman, che nelle scorse ore ha condiviso le ultime novità in suo possesso

Del nuovo MacBook Pro con chip M1X si parla oramai da tempo. In un primo momento le indiscrezioni si erano affollate a indicarlo tra le novità che Apple avrebbe presentato nell’evento di settembre dal quale, tra gli altri, è venuta fuori la gamma iPhone 13, ma tra la sorpresa generale il nuovo MacBook Pro è stato rinviato.

Non dovrebbe mancare molto comunque, a giudicare dalle informazioni condivise nelle scorse ore dal giornalista Mark Gurman di Bloomberg. Non sembra essere in discussione il fatto che il nuovo MacBook Pro per i professionisti arrivi entro fine anno, ma la sua assenza all’evento dello scorso mese ha fatto rumore e sembra aver disorientato anche il mondo delle indiscrezioni. Uno dei quali però ha parlato: è proprio Gurman a sostenere l’assoluta vicinanza dell’evento. Su MacBook Pro sono previste delle novità sostanziali e anche estetiche: si dice che avrà un design rinnovato e diverse colorazioni tra cui scegliere, alcune ispirate da iMac 2021.

Bisogna tenere alta la soglia d’attenzione

L’indiscrezione sul lancio arriva dallo stimato giornalista Mark Gurman di Bloomberg. Secondo le informazioni in suo possesso, non mancherebbe quindi parecchio al debutto del MacBook Pro più potente di tutti: se la previsione si rivelasse corretta, vedremo il potente laptop con la Mela entro ottobre, praticamente una questione di giorni.

Gurman ha condiviso l’informazione con gli appassionati che seguono il suo appuntamento in cui distribuisce settimanalmente le indiscrezioni sul settore della tecnologia tascabile. Ecco qualche passaggio di quanto ha scritto: “L’attesa per il nuovo MacBook Pro probabilmente è quasi finita: non è stato lanciato all’evento Apple di settembre ma dovrebbe comunque arrivare nelle prossime settimane. Del resto storicamente Apple ha scelto ottobre per presentare i suoi nuovi Mac", ha detto Gurman.

Il giornalista ha continuato dicendo che il chip M1X debutterà su MacBook Pro ma sarà destinato ad equipaggiare anche un Mac mini ad alte prestazioni che arriverà più in là. Il nuovo chip dovrebbe essere più adatto che mai al pubblico di riferimento di MacBook Pro, ovvero quello dei professionisti che hanno notevoli esigenze in termini di elaborazione grafica.

Fino a 32 core grafici sul nuovo MacBook Pro

Per favorirli, il chip Apple Silicon M1X avrà un’unità di calcolo (CPU) a 10 core, e soprattutto una di elaborazione grafica (GPU) che potrà essere scelta con 16 o 32 core. Dovrebbe avere delle capacità di elaborazione neurale, quindi specifiche per l’intelligenza artificiale, e supportare fino a 64 GB di memoria RAM, anche se qualcuno reputa ottimistica questa previsione e dice piuttosto che la configurazione migliore sarà limitata a 32 GB.

Al di là della potenza “pura" – assolutamente fondamentale per un prodotto che si chiama Pro e a cui da anni si rivolgono i professionisti – MacBook Pro M1X si prevede che arrivi con un display miniLED come quello di iPad Pro 12,9", ricarica ancora più rapida e con tre vecchie conoscenze che ritornano: l’ingresso HDMI per rendere più sfruttabile la possibilità di collegare il laptop a monitor esterni, il lettore SD e il connettore magnetico MagSafe per la ricarica.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963