instagram Fonte foto: Shutterstock

Instagram nasconde le foto che diffondono fake news

Instagram sta sviluppando una nuova funzionalità per etichettare le immagini false o ritoccate al computer. Ecco come funziona

Instagram è sempre più attenta alla qualità dei suoi contenuti e da qualche mese sta lavorando a nuove funzioni che hanno come obiettivo il controllo di eventuali fake news e messaggi offensivi. A dicembre ha comunicato la nascita di una nuova funzione.

Con l’aiuto della piattaforma online chiamata NewsMobile, l’applicazione individuerà quali sono le fotografie con contenuti falsi o fuorvianti. Anche le immagini ritoccate con Photoshop saranno segnalate e questo danneggerà probabilmente la visibilità di molti account. In particolar modo, l’operazione rischia di ridurre la visibilità di molti fotografie e artisti che usano Instagram per promuovere la loro arte. La novità è stata scovata dal fotografo Toby Harriman. La funzione consiste nell’oscurare il contenuto segnalato e comunicare all’utente che contiene informazioni false. Non si sa ancora quando verrà diffusa nelle applicazioni di tutto il mondo.

La nuova funzione di Instagram contro le foto manipolate

La prima piattaforma online a comunicare la notizia è stata PetaPixel. Qui, il fotografo Toby Harriman ha spifferato al sito di aver scoperto una nuova funzione: mentre navigava su Instagram gli è apparsa una notifica pop-up che lo avvisava della contraffazione di una fotografia su cui si era soffermato. La finestra oscurava l’immagine e recava la scritta “informazione falsa” (false information). L’app concedeva poi all’utente di guardare comunque l’immagine eliminando la patina che la oscurava oppure scoprire i motivi di questa sorta di censura. La foto segnalata dal fotografo Harriman raffigurava uno squalo immerso nell’acqua: la funzione ha rilevato che l’enorme pesce era stato aggiunto con Photoshop.

La fotografia apparteneva a Christopher Hainey ed era stata modificata dall’artista Ramzy Masri. Il contenuto è stato ripreso anche da NewsMobile, sito che smaschera foto false, provenienti in particolare da Instagram. Tra le immagini false più famose al mondo spicca quella della Death Valley National Park, una catena montuosa che appare in tante fotografie a cui vengono manipolati i colori. Alla fine, le fotografie panoramiche mostrano le cime di diverso colore, tanto che questo angolo di mondo è stato rinominato “Rainbow Mountains” cioè montagne arcobaleno.

La reazione di fotografi e artisti davanti alla nuova funzionalità di Instagram

La funzionalità ha messo in allarme molti fotografi e artisti che amano giocare con effetti, cambi di colore e tanto altro. Dalla manipolazione di paesaggi, persone, semplici scorci di mondo, nascono bellissime opere d’arte che ora potrebbero essere sottoposte a censura da parte di Instagram. Tuttavia, il panico non è giustificato perché la piattaforma oscurerà solo le immagini precedentemente segnalate dai siti di fact-checking.

Instagram nel suo blog ufficiale ha comunicato che l’app tenderà col tempo a mostrare meno contenuti pubblicati da account segnalati frequentemente. Questi saranno rimossi anche dalla sezione Esplora. Gli artisti non verranno avvisati quando la loro opera è segnalata quindi non avranno il pieno controllo della diffusione delle fotografie. Inoltre, c’è la possibilità che un account artistico venga etichettato per la presenza di fake news, causando un danno ai profili.

Non si sa ancora come e quando la funzione rientrerà tra quelle standard dell’app. Non ci resta che attendere per capire quali saranno le conseguenze di questa novità.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963