iphone 12 Fonte foto: Apple
APPLE

IPhone 13 avrà il Wi-Fi più veloce di tutti

Secondo le ultime indiscrezioni, gli iPhone 13 avranno l'ultimo ritrovato della trasmissione di dati senza fili, il Wi-Fi 6e: ecco i dettagli e in cosa consiste

Apple è pronta ad introdurre il Wi-Fi 6e su iPhone 13, la più recente evoluzione della sesta generazione della tecnologia di trasmissione dei dati senza fili. Un bel salto in avanti sul piano prestazionale, naturalmente con i dispositivi compatibili che attualmente non sono tanti ma che in futuro saranno certamente più diffusi.

Ne gioveranno, magari in qualche caso in modo inconsapevole, gli acquirenti degli iPhone 13, gamma che sarà ufficializzata come da tradizione intorno alla metà di ottobre. Ne gioveranno ancor di più tutti quegli acquirenti che acquistano uno smartphone per tenerlo poi a lungo nel tempo: essendo il Wi-Fi 6e una tecnologia recente, se dovesse davvero far parte della dotazione tecnica degli iPhone 13 come si dice, allora la prossima generazione degli smartphone con la Mela ne guadagnerà in longevità, quindi in sfruttabilità negli anni a venire. Un po’ quanto è accaduto e sta accadendo con il 5G, attualmente poco sfruttato – almeno in Italia – ma dal grande potenziale futuro, e acquistare oggi uno smartphone già compatibile con le reti 5G può essere visto come un investimento sul lungo periodo.

Su iPhone 13 l’ultima evoluzione del Wi-Fi

La presenza del Wi-Fi 6e a bordo degli iPhone 13 è stata in qualche misura anticipata da un recente report di DigiTimes, in cui il quotidiano di Taiwan scrive: “Le fonderie GaAs IC Win Semiconductors e Advanced Wireless Semiconductor Company (AWSC), e il fornitore GaAs Visual Photonics Epitaxy Company (VPEC), secondo fonti del settore, si aspettano una crescita significativa del fatturato nella seconda metà del 2021 derivante dalla domanda per i prossimi iPhone e per le relative applicazioni del Wi-Fi 6e".

Apple, qualcuno lo ricorderà di certo, aveva già introdotto il Wi-Fi 6 con gli iPhone 11, ed è poi stato mantenuto senza alcuna modifica sulla generazione successiva. Il Wi-Fi 6e è la diretta evoluzione che, in estrema sintesi, comprende anche la banda delle frequenze a 6 GHz.

Cos’è il Wi-Fi 6e

Il Wi-Fi 6e è una tecnologia che ha moltissimi punti di contatto con il Wi-Fi 6, se non altro perché ne è la diretta evoluzione. La “e" sta per extended, nel senso che si tratta di un Wi-Fi 6 con l’estensione della banda a 6 GHz grazie a 14 ulteriori canali radio da 80 MHz ciascuno e altri 7 canali da 160 MHz.

In sintesi quindi la principale differenza (nonché sostanziale) tra Wi-Fi 6 e Wi-Fi 6e è che quest’ultimo può utilizzare le frequenze a 6 GHz. Questo passaggio comporta una serie di vantaggi notevoli: al crescere della frequenza cresce pure il quantitativo di dati che si possono trasmettere e decresce la latenza, ossia il ritardo tra l’input e la ricezione della risposta.

Ma non è tutto oro ciò che luccica, quindi la banda a 6 GHz è sì più veloce delle altre ma ha pure degli svantaggi. Il principale è il raggio d’azione minore e la sofferenza di fronte a muri, ostacoli e barriere. In altre parole le frequenze a 6 GHz hanno una minore capacità di penetrare gli ostacoli, quindi offrono le massime prestazioni in spazi aperti – privi, quindi di ostacoli – o nelle prossimità dell’emettitore del segnale.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963