5g Fonte foto: Shutterstock
APPLE

IPhone 5G? Bisogna aspettare ancora molto

Apple sembra in forte ritardo per la produzione di un iPhone con connessione in 5G, che molto probabilmente non vedremo prima del 2020-2021, ecco perché

4 Dicembre 2018 - Con il lancio del primo iPhone oltre 10 anni fa, Apple ha di fatto “inventato” il settore degli smartphone, dettandone la linea per lo sviluppo negli anni a venire. Nel corso del tempo, però, le cose sono un po’ cambiate e, nonostante la casa di Cupertino sia ancora all’avanguardia, sono comparsi altri competitor che le stanno rubando il ruolo di campione dell’innovazione.

Una situazione che si esemplifica nelle scelte fatte dagli ingegneri di Cupertino in fatto di connettività a Internet. Apple, ad esempio, ha scelto di non supportare le reti 3G fino all’iPhone di seconda generazione. Allo stesso modo Cupertino non ha adottato le reti 4G LTE fino all’iPhone 5 del 2012, ben due anni dopo che i primi smartphone 4G erano apparsi sul mercato Android. Con moltissimi produttori del robottino pronti al lancio della tecnologia 5G ancora una volta Apple sembra in ritardo. Molti, infatti, iniziano a chiedersi quando vedremo un iPhone 5G e le risposte potrebbero essere un po’ deludenti.

La scelta di Apple: no al 5G almeno fino al 2020

Stando ad alcune indiscrezioni, infatti, il primo iPhone 5G dovrebbe arrivare non prima del 2020. Una scelta dettata non solo dalla mancanza di un processore creato dalla stessa Apple abbastanza performante per la tecnologia in 5G, ma anche per non offrire ai propri utenti un’esperienza di connessione poco stabile. Con le reti 5G non ancora largamente diffuse, se non in alcune realtà degli Stati Uniti e in Corea del Sud, infatti il rischio per un utente con un iPhone 5G sarebbe quello di avere a salti il vantaggio della nuova tecnologia con connessione super veloce. Apple dunque non vuole realizzare un iPhone 5G fino a quando le reti 5G non saranno largamente diffuse e stabilizzate.

I più maligni però hanno interpretato questa scelta di ritardare il lancio dell’iPhone 5G a una scusa. Alla base del ritardo tecnologico di Apple nei confronti di Samsung e altri produttori Android infatti ci sarebbe la battaglia legale in corso con il produttore di chipset Qualcomm. Per ora Qualcomm è l’unica azienda ad aver pronto un processore adatto al 5G, lo stesso che vedremo su Galaxy S10 di Samsung. Apple per ora si sta affidando a Intel per la produzione del 5G ma l’azienda ha già dichiarato che non riuscirà prima del 2020 a rilasciare il chipset compatibile con questa nuova tecnologia. Guarda caso la stessa data scelta da Apple per giustificare il ritardo con la scarsa diffusione di rete per il 5G.

Contenuti sponsorizzati