android auto Fonte foto: parlanteste / Shutterstock.com
ANDROID

L'app di Android Auto scomparirà con Android 10

Con l'aggiornamento ad Android 10 Q, Android Auto verrà eliminato dal Play Store per diventare un servizio del sistema operativo stesso. Ecco cosa cambia

11 Settembre 2019 - Android Auto è destinata a scomparire. No, dalle parti di Mountain View non sono improvvisamente impazziti e non hanno gettato nel cestino anni di lavoro e milioni e milioni di dollari spesi in sviluppo. Semplicemente, hanno voluto semplificare l’architettura del  sistema operativo eliminando un’app che, a loro modo di vedere, era di fatto diventata inutile.

Con l’aggiornamento ad Android 10 Q la piattaforma “automobilistica” di Google verrà eliminata dal Google Play Store e dagli smartphone nei quali era installata. Ovviamente, Android Auto non scomparirà del tutto ma verrà inglobata all’interno del sistema operativo stesso, divenendone così una parte fondamentale. Diventerà quindi uno dei tanti servizi che la piattaforma operativa mobile sviluppata a Mountain View fornisce in maniera “automatizzata”, senza che l’utente sia chiamato a effettuare alcuna operazione.

Android Auto addio: cosa succede ora

Stando alle informazioni che arrivano dalla California, Android Auto verrà inglobato da Google Assistente e prenderà il nome di Assistant Drive Mode. Una novità già preannunciata nel corso del Google I/O 2019, la conferenza dedicata agli sviluppatori nel corso della quale vengono solitamente annunciate le novità più interessanti dell’anno. In questo modo, la piattaforma Android dedicata alle automobili sarà disponibile su tutti gli smartphone che verranno aggiornati ad Android 10 Q, senza più problemi di compatibilità che potevano presentarsi in passato.

Una volta installato l’aggiornamento del sistema operativo, per avviare Android Auto sarà sufficiente collegare lo smartphone all’auto e attendere che il sistema venga sincronizzato. Niente più app da lanciare e, dunque, applicazione che diventa di fatto inutile. Per risparmiare spazio in memoria ed evitare possibili fraintendimenti, gli sviluppatori Google hanno dunque deciso di eliminarla definitivamente.

Una decisione, però, che ha anche dei risvolti negativi. Fino a oggi, infatti, era possibile lanciare Android Auto “a comando”, avendo così la possibili di continuare a utilizzare il sistema di infotainment del proprio veicolo anche se lo smartphone era collegato via USB alla macchina. Con Android Auto che diventa parte del sistema operativo, invece, ciò non sarà più possibile e si dovranno trovare delle soluzioni alternative.