cuffiette wireless nothing Fonte foto: Nothing
WEARABLE

Le cuffiette di Nothing saranno trasparenti e low cost

Carl Pei racconta come saranno le prime cuffiette wireless di Nothing: si tratta di un prodotto diverso da tutti i competitor, anche nel prezzo.

Giuseppe Croce Giornalista

Peppe Croce, giornalista dal 2008, si occupa di device elettronici e nuove tecnologie applicate al mondo automotive. È entrato in Libero Tecnologia nel 2018.

Un paio di cuffiette trasparenti e low cost: è questo il wearable che farà da apripista per Nothing, la startup di Carl Pei (cofondatore di OnePlus, azienda dalla quale è uscito a metà ottobre 2020) che ha scelto uno tra gli indossabili più comuni trasformandolo in un accessorio di design, completamente differente rispetto a quanto finora visto tra le proposte ma sempre con un occhio puntato alle caratteristiche tecniche.

Nothing è una giovane azienda dedicata al mondo dell’hardware, capace di farsi notare grazie a una scelta peculiare: la quasi totale mancanza di notizie sul proprio conto. E anche sul primo prodotto realizzato vi sono ancora pochissime informazioni in merito, fino a oggi centellinate al dettaglio. A fornire qualche indicazione in più sul modello è stato il suo fondatore, Carl Pei, durante un’intervista rilasciata al sito di informazione Techcrunch. Oltre alle specifiche, il papà di Nothing ha fatto un po’ di chiarezza sui principi della startup, spiegando quali sono gli obiettivi primari e il motivo che ha reso la realizzazione degli auricolari molto più complessa a confronto dei processi tradizionali.

Cuffiette Nothing, ecco come sono

Le cuffiette prodotte da Nothing, secondo le anticipazioni, avranno una caratteristica che raramente viene integrata negli oggetti tech: un rivestimento totalmente trasparente. Pei ha spiegato nella conversazione con il sito web le ragioni: ciò che permette di guardare dentro l’oggetto richiede, inevitabilmente, un’organizzazione interna certosina e una ricerca dei materiali più approfondita, a differenza di ciò che accade con quelli utilizzati di consueto. "Bisogna assicurarsi che tutto all’interno sia bello quanto l’esterno," ha sottolineato il capo dell’azienda.

Parlando, invece, di funzionalità tecniche, le cuffiette saranno perfettamente wireless, particolare che si aggiunge alla cancellazione attiva del rumore attraverso l’impiego di tre microfoni ad alta definizione, il tutto circondato da una qualità costruttiva al top. Dettagli che, su altri wearable, hanno contribuito a far salire notevolmente il costo di vendita; basta pensare gli AirPods Pro di Apple, che costano 279 euro di listino. Dunque, niente a che vedere con queste cuffiette.

Nonostante la scelta di implementare feature particolarmente richieste dal pubblico, Nothing continua a puntare sulla capacità di migliorare l’integrazione della tecnologia nel quotidiano. Obiettivo principale della startup, messa in piedi da colui che è stato uno dei due membri fondatori di OnePlus insieme a Pete Lau, resta quello di rendere la "vita digitale più fluida", a partire dagli auricolari quasi invisibili e proseguendo nell’intento con i prossimi due prodotti nel cilindro che potrebbero essere lanciati già nel futuro prossimo.

Cuffiette Nothing, prezzo e disponibilità

Le cuffiette di Nothing debutteranno il 27 di luglio ad un prezzo estremamente contenuto: 99 euro sul mercato europeo, cifra che si trasformerà in 99 dollari e 99 sterline rispettivamente negli Usa e Regno Unito, al pari di accessori simili dei principali competitor tra cui i Samsung Galaxy Buds e i recenti Pixel Buds-A di Google.

Almeno in prima battuta, i mercati di riferimento saranno Europa, Nord America, UK e India, seguiti successivamente da Giappone, Corea e altre nazioni.

TAG:

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963