Libero
lotteria degli scontrini
HOW TO

Lotteria degli Scontrini: a cosa stare attenti per non perdere i premi

Manca poco: il secondo giovedì di marzo ci sarà la prima estrazione mensile della Lotteria degli Scontrini: ecco cosa è importante sapere per non perdere il premio.

L’11 marzo si avvicina e, con esso, anche la prima estrazione della Lotteria degli Scontrini, il secondo pilastro della strategia Italia Cashless dopo il Cashback di Stato. A partire dall’11 marzo le estrazioni mensili avverranno ogni secondo giovedì del mese, fino al 9 dicembre.

Le estrazioni settimanali, invece, inizieranno a giugno mentre non è stata ancora stabilita la data dell’estrazione annuale da 5.000.000 di euro per gli acquirenti e 1.000.000 per gli esercenti. Il meccanismo messo in piedi dall’Agenzia dei Monopoli e da quella delle Entrate, che gestiscono in tandem la lotteria, prevede regole e passaggi ben precisi in caso di vincita. Per fortuna, a differenza del Cashback di Stato, l’esperienza delle amministrazioni pubbliche italiane con la gestione delle lotterie è ultradecennale e questo dovrebbe evitare problemi. Ma, almeno nella fase iniziale di rodaggio del meccanismo, sarà bene stare comunque attenti ad alcuni particolari per evitare di perdere i premi vinti. Ecco cosa è utile sapere.

Lotteria degli scontrini: la questione PEC

Come abbiamo spiegato dettagliatamente in un altro articolo, in fase di registrazione alla Lotteria degli Scontrini sia gli acquirenti che i commercianti possono inserire un indirizzo di posta elettronica certificata PEC al quale Agenzia dei Monopoli e Agenzia delle Entrate invieranno le comunicazioni.

Non è obbligatorio farlo, ma è estremamente utile: la PEC ha lo stesso valore di una raccomandata A/R ma è molto più veloce e sicura. Tuttavia, bisogna fare attenzione a quale PEC si inserisce nella propria area privata: è necessario che sia di proprietà di chi ha fatto l’acquisto che ha generato il biglietto vincente.

In caso contrario (ad esempio se la moglie indica l’indirizzo PEC del marito o del figlio) la PEC non potrà essere inviata per motivi soprattutto di privacy. Esattamente come per le lotterie tradizionali con biglietto cartaceo, infatti, il biglietto è personale e il vincitore è segreto.

Lotteria degli scontrini: che succede quando si vince

L’altra cosa a cui fare molta attenzione, dopo aver ricevuto la PEC o la raccomandata A/R che comunica la vincita di un premio, è a questo punto scatta l’obbligo di presentarsi fisicamente entro 90 giorni presso l’ufficio dell’Agenzia dei Monopoli competente per territorio (dipende dal comune di residenza o dal dominio fiscale del vincitore).

Solo in questo modo il vincitore potrà sbloccare il pagamento, che avverrà successivamente solo tramite bonifico bancario o postale. Passati i 90 giorni, invece, il premio verrà considerato non riscosso e non potrà più essere reclamato.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963