Marte più vicina, Nasa cerca volontari per prima simulazione Fonte foto: Ansa
SCIENZA

Marte sempre più vicina, Nasa cerca volontari per la prima simulazione

Il progetto inizierà nell’autunno 2022. L’agenzia aerospaziale americana sta cercando astronauti per la prima missione analogica di un anno in un habitat per simulare la vita sul Pianeta Rosso.

"Marte sta chiamando!". Inizia così l’annuncio, pubblicato sul sito della Nasa, attraverso il quale l’agenzia aerospaziale americana ha fatto sapere di aver aperto la ricerca di candidati per la partecipazione come membro dell’equipaggio della prima missione analogica. I prescelti passeranno un anno in un habitat che simuli la vita su un mondo nello Spazio, lontano dalla Terra. Il programma inizierà nell’autunno 2022 e servirà per preparare i partecipanti alle dure condizioni del Pianeta Rosso.

La ricerca di volontari della Nasa

Il luogo i cui i volontari passeranno 12 mesi sarà molto simile a quello del Pianeta Rosso e, con questa iniziativa, la Nasa intende anche studiare come "individui altamente motivati" rispondono a missioni di così lunga durata e a condizioni estreme. Questo servirà a prevenire e risolvere "potenziali problemi nelle future missioni di volo spaziale umano sulla Luna e su Marte", si legge nell’annuncio. La serie di missioni, note come Crew Health e Performance Exploration Analog, include tre simulazioni della superficie di Marte della durata di un anno con sede presso il Johnson Space Center della Nasa.

La missione analogica "è fondamentale per testare soluzioni che soddisfino le complesse esigenze della vita sulla superficie marziana", ha affermato Grace Douglas, scienziata capo della ricerca sulla tecnologia alimentare avanzata del Johnson Space Center a Houston. “Le simulazioni sulla Terra ci aiuteranno a comprendere e contrastare le sfide fisiche e mentali che gli astronauti dovranno affrontare prima di partire", ha spiegato. Ogni missione sarà composta da quattro membri dell’equipaggio che vivranno e lavoreranno in un modulo di 518 metri quadrati stampato in 3D da ICON, chiamato Mars Dune Alpha.

L’habitat simulerà le sfide di una missione su Marte, comprese limitazioni delle risorse, guasti alle apparecchiature, ritardi nelle comunicazioni e altri fattori di stress ambientale. Le attività dell’equipaggio possono includere passeggiate spaziali simulate, ricerca scientifica, uso della realtà virtuale e controlli robotici e scambio di comunicazioni. I risultati forniranno importanti dati scientifici per convalidare i sistemi e sviluppare soluzioni.

I candidati ideali sono cittadini statunitensi sani e motivati ​​o residenti permanenti, non fumatori, di età compresa tra 30 e 55 anni con un’ottima conoscenza dell’inglese per poter sostenere una comunicazione efficace tra l’equipaggio e il controllo della missione. La selezione dell’equipaggio seguirà i criteri standard della Nasa per i candidati astronauti. È richiesto un master in ingegneria, matematica o scienze biologiche, fisiche o informatiche da un istituto accreditato con almeno due anni di esperienza STEM professionale o un minimo di mille ore di pilotaggio di un aeromobile. Saranno presi in considerazione anche i candidati che hanno completato due anni di lavoro verso un programma di dottorato STEM, o completato una laurea in medicina o un programma pilota di test. Inoltre, con quattro anni di esperienza professionale, possono essere presi in considerazione candidati che hanno completato la formazione di ufficiale militare o un Bachelor of Science in un campo STEM.

Programmi che simulano la vita sulle superfici non terrestri sono già stati realizzati, per esempio nella struttura HI-SEAS dove gli astronauti si allenano alla vita sulla Luna o su Marte trascorrendo il tempo in tubi di lava lungo Mauna alle Hawaii.

Stefania Bernardini

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963