Libero
Cos'è la missione Ixpe a cui parteciperà l'Italia Fonte foto: Nasa
SCIENZA

Cos'è la missione Ixpe a cui parteciperà l'Italia

Il lancio è previsto il 9 dicembre dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral. Il progetto è destinato ad aprire una nuova finestra sugli aspetti più misteriosi dell’universo.

È tutto pronto per la missione destinata ad aprire una nuova finestra sugli aspetti più misteriosi e violenti dell’universo. Si tratta del progetto Xipe, Imaging X-ray Polarimetry Explorer, e vi partecipa anche l’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) al fianco della Nasa. Il lancio è previsto alle 7,00 italiane del 9 dicembre dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral, in Florida, con un razzo Falcon 9. L’obiettivo è andare a fondo sugli aspetti che ancora non si conoscono del cosmo, per esempio legati all’esplosione delle supernove o alla formazione dei buchi neri.

Cos’è la missione Xipe

“È una missione che spinge all’estremo la nostra capacità di fare scienza e alla quale l’Italia contribuisce con tecnologie all’avanguardia mondiale", aveva spiegato il presidente dell’Asi, Giorgio Saccoccia, nell’incontro organizzato in vista del lancio. Il costo complessivo del progetto è importante: 120 milioni, di cui 20 milioni dall’Agenzia Spaziale Italiana che ha ideato e sviluppato lo strumento che costituisce il cuore della missione, il Global Pixel Detector (Gpd).

Il coordinamento scientifico è dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), con l’Inaf e il supporto dell’Asi. Per la missione, l’Agenzia Spazie Italiana mette a disposizione la sua base di Malindi per la ricezione dei dati, grazie alla collaborazione della Telespazio (Leonardo-Thales), e lo Space Science Data Center (Ssdc) per l’analisi dei dati.

Cosa ci si aspetta da Xipe

“Siamo all’inizio di una nuova pagina: andremo a studiare alcuni degli oggetti astrofisici più estremi che esistono nell’universo – ha evidenziato il presidente dell’Inaf, Marco Tavani – e si aprirà così una finestra nuova nello studio di sorgenti cosmiche come stelle neutroni e buchi neri". Anche per il presidente dell’Infn, Antonio Zoccoli, “grazie a Ixpe, la prima missione interamente dedicata allo studio dell’universo attraverso la polarizzazione dei raggi X, siamo pronti a scrivere un nuovo capitolo di fisica".

La missione Ixpe fa parte del programma Smex (Small Explorer) della Nasa. I rivelatori per la polarizzazione dei raggi X che sono a bordo sono stati finanziati dall’Asi e sviluppati da un gruppo di ricercatori di Inaf e Infn. Rispetto alle tecnologie analoghe di 50 anni fa, la sensibilità è aumentata di circa cento volte. Intanto sembra essere pronta, tra ritardi e ripartenze, anche la missione dell’agenzia spaziale americana per tornare sulla Luna. Inoltre la Nasa ha lanciato anche un progetto per realizzare un reattore nucleare sul nostro satellite.

Stefania Bernardini

Libero Annunci

Libero Shopping

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963