Libero
La nascita delle prime stelle non è più un mistero Fonte foto: 123rf
SCIENZA

La nascita delle prime stelle non è più un mistero: la scoperta degli astronomi

Presto le prime galassie potrebbero diventare osservabili. Uno studio di scienziati del Regno Unito colloca l'alba cosmica tra 250 e 350 milioni di anni dopo il Big Bang.

C’è finalmente una collocazione temporale riguardo a quando le prime stelle hanno iniziato a brillare nel cielo. Uno studio di scienziati del Regno Unito è riuscito a individuare l’alba cosmica tra 250 e 350 milioni di anni dopo il Big Bang. La scoperta è collegata all’idea che presto le prime galassie che ospitano queste stelle primordiali potrebbero diventare osservabili con i nostri nuovi strumenti tecnologici. La ricerca è stata pubblicata negli avvisi mensili della Royal Astronomical Society e l’obiettivo è quello di ampliare la comprensione di uno dei più misteriosi periodi dell’universo: le oscure età cosmiche.

La nascita delle prime stelle

Nel cosmo nessuna meteora ha brillato per centinaia di milioni di anni. Poi, lentamente, il gas ha iniziato ad ammassarsi in grandi nubi fino a causare un collasso gravitazionale dal quale nacquero le prime stelle. Il team di ricercatori ha stimato questo evento esaminando sei delle galassie più lontane mai scoperte.

La luce di questa mezza dozzina di oggetti ci arriva da quando l’Universo aveva appena 550 milioni di anni. Gli scienziati hanno quindi stimato l’età di queste galassie, suggerendo quando possano essere nate le stelle al loro interno. "Le nostre osservazioni indicano che l’alba cosmica è avvenuta tra 250 e 350 milioni di anni dopo l’inizio dell’universo e, al momento della loro formazione, galassie come quelle che abbiamo studiato sarebbero state sufficientemente luminose da poter essere osservate con il telescopio James Webb", ha affermato in una dichiarazione l’autore principale della ricerca, il dott.Nicolas Laporte dell’università di Cambridge.

Grazie alle osservazioni dei telescopi spaziali Hubble e Spitzer, il team è stato in grado di stimare la presenza di idrogeno atomico. Durante le età cosmiche oscure, tutto l’idrogeno era atomico, ma la luce delle stelle strappava gli elettroni da quegli atomi di idrogeno in un processo chiamato ionizzazione. Alla fine dell’alba cosmica, la stragrande maggioranza dell’idrogeno nell’universo è stata nuovamente ionizzata e dalla stima di quanto idrogeno rimane ionizzato in una galassia si può calcolare da quanto tempo sono attive le sue stelle.

“Questo indicatore di età viene utilizzato per datare le stelle intorno alla Via Lattea, ma può anche essere utilizzato per datare galassie estremamente remote, viste in un periodo molto antico dell’universo“, ha aggiunto il co-autore Romain Meyer, dell’Università College London e del Max Planck Institute for Astronomy di Heidelberg, in Germania. Da questi calcoli gli astronomi hanno indicato che le prime galassie hanno tra i 200 e i 300 milioni di anni e sono abbastanza sicuri che presto i nostri telescopi riusciranno a osservarle.

Un’altra ricerca ha invece individuato che i buchi neri risucchiano le stelle.

Stefania Bernardini

Libero Annunci

Libero Shopping

Servizi di Libero

Libero Mail Plus

Più spazio per la tua mailScegli la dimensione che fa per te: 5GB o 1TB
di spazio con Libero Mail Plus!

SCOPRI DI PIÙ

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963