iphone 12 apple Fonte foto: Apple
APPLE

Oltre 1 miliardo di iPhone nel mondo, il 12 è andato a ruba

Apple continua a crescere nonostante la pandemia e raggiunge un record storico: 1 miliardo di iPhone attivi a livello globale.

Ottimo periodo per Apple, che vede crescere i ricavi in tutto il mondo e, in modo particolare, in Cina. A fare la differenza è stata la nuova gamma iPhone 12: nonostante sia stata presentata con alcune settimane di ritardo a causa della pandemia, le vendite sono andate subito benissimo.

Questo ha portato Apple ad un nuovo, importantissimo record: adesso ci sono 1 miliardo di iPhone attivi nel mondo. Un numero fino a qualche anno fa difficile da immaginare, reso possibile da due modelli di successo: l’iPhone SE 2 nella prima metà del 2020 e l’iPhone 12 nella seconda metà. Grazie a questi numeri Apple supera di nuovo Amazon per capitalizzazione in borsa e ora vale 263,4 miliardi di dollari, contro i 254,2 miliardi di Amazon. Ma non solo: la crescita del numero di iPhone porterà, indirettamente, nuove entrate ad Apple grazie ai servizi in abbonamento.

Un miliardo di iPhone

Il dato di 1 miliardo di iPhone attualmente attivi nel mondo è stato calcolato a fine 2020. Si tratta di una crescita di oltre il 10% rispetto ai 900 milioni di fine 2019. Gran parte di questa crescita è avvenuta sul mercato cinese: +57% in un anno.

Abbiamo due dei tre smartphone più venduti nella Cina urbanizzata“, ha commentato il CEO di Apple Tim Cook a Reuters, aggiungendo che la Cina inizia a diventare un mercato fidelizzato, perché sono stati moltissimi i cinesi che, nel 2020, sono passati da un iPhone di vecchia generazione ad uno nuovo.

Apple in crescita, nonostante tutto

La cosa ancor più notevole nei numeri di Apple è che, in teoria, tutto poteva andare storto nel 2020: la crisi economica dovuta al COVID-19 di certo non lasciava ben sperare per un produttore di smartphone premium.

In più Apple, sempre a causa della pandemia, ha dovuto fronteggiare una forte scarsità di componentistica prodotta in Asia. Gli AirPods Max da 550 dollari presentati a dicembre sono un esempio di questa situazione: la domanda è stata superiore alla produzione, a sua volta limitata a causa dei problemi dei fornitori. Una situazione che, spiega Cook, continuerà ancora per qualche mese.

TAG:

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963