Libero
oppo air glass occhiali smart Fonte foto: Oppo
WEARABLE

Oppo ha presentato i suoi Air Glass per la realtà “assistita”

All'Inno Day 2021 Oppo presenta Air Glass, i suoi primi occhiali per la realtà assistita, ma cos'è la realtà assistita e in cosa è diversa da quella aumentata?

In occasione degli INNO Day 2021, Oppo ha presentato ufficialmente i suoi Air Glass, un dispositivo aR (realtà "assistita", da non confondere con la realtà "aumentata") equipaggiato di microproiettore Spark proprietario e display a guida d’onda ottica a diffrazione. Per interagire con essi, è possibile utilizzare quattro modalità: tocco, voce, movimento della testa o della mano, fornendo un accesso rapido a tutte le funzionalità. 

Per capire come funzionano i nuovi Oppo Air Glass, bisogna prima sapere cos’è la realtà assistita: si tratta di informazioni in 2D proiettate di fronte l’occhio dell’utente. Informazioni come quelle sul meteo, quelle di un navigatore satellitare (come "svolta a destra", o "vai dritto"). La realtà "aumentata", invece, consiste in oggetti 3D proiettati nell’ambiente in cui si trova l’utente, per aumentare la quantità di oggetti presenti e con i quali si può interagire. Nella pratica, quindi, per usare la realtà aumentata serve uno smartphone o, meglio ancora, un visore AR/VR mentre per la realtà assistita basta un dispositivo più semplice e meno invasivo, come Oppo Air Glass.

Come sono fatti gli Oppo Air Glass

Gli Oppo Air Glass sono caratterizzati da un innovativo design monoculare a guida d’onda, con un peso di soli 30 grammi ed un look minimalista. Ciò permetterà di indossarli come dei normali occhiali, facendo uso dell’apposita touch bar che si integra perfettamente nelle forme eleganti del prodotto. 

Stando a quanto dichiarato dall’azienda cinese, l’ispirazione deriva dalle ali delle cicale, con l’obiettivo di distanziarsi dalle ormai troppo convenzionali lenti rettangolari o arrotondate. A rendere ancora più unici gli Oppo Air Glass ci pensa la montatura, realizzata attraverso la tecnica CNC che dona ricercatezza e li trasforma in un accessorio elegante da indossare quotidianamente, indipendentemente dalle loro funzionalità tecnologiche. 

Anche le persone con problemi di miopia e ipermetropia potranno utilizzare gli Oppo Air Glass, in virtù della presenza due montature differenti: la "half-frame" argentata e la "full-frame" nera, più adatta a persone che necessitano di lenti correttive. Entrambe, inoltre, sono disponibili in due misure.  

Oppo Air Glass, caratteristiche tecniche

Il processore Qualcomm Snapdragon Wear 4100 trova posto, insieme a tutti gli altri componenti, all’interno della sottile cornice a cui sono fissate le lenti. In particolare, troviamo anche il piccolo Microproiettore Spark sviluppato da Oppo ed un Micro LED che garantisce un’esperienza aR (realtà assistita) unica. Infatti, sarà possibile riprodurre contenuti nitidi indipendentemente dalla luce ambientale, grazie alla presenza di cinque lenti in vetro ad alta trasparenza e a due strati di vetro zaffiro che racchiudono la guida d’onda.

Per utilizzare questi occhiali intelligenti, è necessario adoperare l’applicazione Smart Glass App su Oppo Watch 2 o su qualsiasi smartphone Oppo con sistema operativo ColorOS 11 o versioni successive. Per l’interazione, è possibile utilizzare tocco, voce, movimenti della mano (con Watch 2) o della testa. In questo modo è possibile confermare, annullare e navigare fra le applicazioni. 

Infatti, dovete sapere che sugli Air Glass è possibile installare app di terze parti o proprietarie come Meteo, Calendario, Salute, Teleprompter, Traduzione e Navigazione.

I concorrenti di Oppo Air Glass

Nonostante questo genere di dispositivi non sembri aver riscosso il successo sperato tra i consumatori, almeno fino ad ora, tanti altri importanti produttori (oltre ad Oppo) stanno cercando di sviluppare una soluzione che risulti accettabile sia per la realtà virtuale (VR), che per la realtà aumentata (AR), che per la realtà assistita (aR)

Si parla da ormai diverso tempo degli Apple Glass e Google, dopo aver presentato i poco fortunati Google Glass (dispositivo per molti versi simile a Oppo Air Glass) starebbe sviluppando un nuovo sistema operativo, da proporre su un nuovo modello di occhiali intelligenti dopo la fallimentare esperienza della prima versione. Fra le altre aziende attive in questo settore, vi sono anche Huawei, con i suoi Gentle Monster II, Razer con gli Anzu (entrambi i prodotti hanno, però, solo funzioni audio e non anche video) e Lenovo con i C200.

Per quanto riguarda la disponibilità, gli Oppo Air Glass faranno il loro debutto entro il primo trimestre del 2022, nelle colorazioni nera e bianca ed insieme a due accessori per la montatura. Il prezzo rimane ancora un mistero ma, alla luce della loro tecnologia, è lecito aspettarsi un prezzo di base di almeno 300 euro.

TAG:

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963