pagamenti contactless Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Pagamenti contactless, dal 2021 raddoppia il limite in Italia

Dal 1 gennaio 20201 la soglia massima per i pagamenti contactless verrà aumentato a 50 euro. Ecco cosa cambierà per gli utenti

Novità importante per i pagamenti contactless: dal 1 gennaio 2021 la soglia verrà aumentata fino a un massimo di 50 euro, rispetto ai 25 euro prevista finora. Si tratta di una decisione comunicata direttamente da Visa, Mastercard e Bancomat e che segue le indicazioni della BCE in materia di pagamenti digitali. L’organo europeo aveva auspicato un aumento della soglia minima in modo da facilitare la vita delle persone e rispettare anche le norme per prevenire la diffusione del virus.

In questi ultimi mesi, infatti, i pagamenti contactless hanno visto crescere la loro importanza e il loro utilizzo, ma la soglia dei 25 euro è limitante. Con l’aumento fino a 50 euro crescerà enormemente l’utilizzo di questo sistema per pagare la spesa, oppure la cena in un ristorante. Per i cittadini cosa cambierà nella vita di tutti i giorni? Molto semplicemente non dovranno più inserire il PIN per i pagamenti effettuati con la carta di credito o con dispositivi hi-tech fino a un massimo di 50 euro. Basterà avvicinare la carta o lo smartphone al POS per effettuare il pagamento.

Pagamenti contactless, limite a 50 euro: cosa cambia per i cittadini

Dal 1 gennaio 2021 non sarà più necessario inserire il PIN della carta di credito per tutti i pagamenti inferiori a 50 euro. Il nuovo limite è stato fissato da Visa, Mastercard e Bancomat e permetterà ai cittadini di semplificare la spesa nella vita di tutti i giorni. La decisione è stata presa dopo la sollecitazione della BCE arrivata durante lo scoppio della pandemia. Alcuni Paesi europei l’hanno già accolta e anche l’Italia lo farà dall’inizio del prossimo anno. Cosa comporterà ai cittadini? Nessun cambiamento, se non un servizio in più da poter utilizzare nella vita di tutti i giorni.

Ricordiamo che per sfruttare i pagamenti contactless è necessario avere una carta di credito abilitata con il chip integrato. In caso contrario non si potrà usufruire di questo vantaggio.

Per quanto riguarda banche ed esercenti, in questi mesi dovranno dotarsi di strumenti e di processi ad hoc per adattarsi alla nuova soglia. Molto probabilmente basterà un aggiornamento software da parte dell’azienda che fornisce il POS.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963