scontrino Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Perché i tabaccai sono esclusi dalla Lotteria degli Scontrini

La FIT, Federazione Italiana Tabaccai, ricorda ai suoi associati che gran parte degli acquisti fatti in tabaccheria non generano biglietti virtuali della Lotteria degli Scontrini.

Grazie alla nuova locandina ufficiale preparata dall’Agenzia delle Entrate è facile sapere subito se un negozio partecipa alla Lotteria degli Scontrini: i negozianti con il registratore di cassa telematico configurato e abilitato potranno esporla per dare la corretta indicazione ai clienti.

Difficilmente, però, vedremo questa locandina in una tabaccheria-ricevitoria. Questo settore del commercio al dettaglio, infatti, è quasi del tutto escluso dal gioco di Stato e solo pochissimi tra gli acquisti effettuabili in tabaccheria rientrano tra quelli che possono generare i biglietti virtuali della Lotteria degli Scontrini. Se ne è accorta la stessa FIT, Federazione Italiana Tabaccai, ha comunicato questa situazione ai suoi associati e ha persino pubblicato un cartello che elenca tutti gli acquisti effettuabili in tabaccheria che non rientrano tra quelli utili per la Lotteria.

Perché gli acquisti in tabaccheria non valgono

La nota della FIT, emanata in occasione della partenza della Lotteria degli Scontrini il 1 febbraio, spiega che l’iniziativa “vede coinvolta la nostra categoria solo per una parte marginale dell’attività. Infatti, gran parte dei prodotti e dei servizi offerti in tabaccheria è esclusa dalla partecipazione alla Lotteria, in quanto i relativi corrispettivi non sono soggetti alla trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate“.

Il fatto che gli importi degli acquisti non vengano trasmessi all’Agenzia delle Entrate impedisce al registratore di cassa, anche se aggiornato con il software necessario a partecipare alla Lotteria, di generare gli scontrini. Lo stesso succede in farmacia, parafarmacia, dal medico, veterinario o al laboratorio analisi con tutti gli acquisti che possono essere detratti o dedotti dalle tasse mostrando il codice fiscale.

Quali acquisti non generano biglietti virtuali

Il cartello pubblicato dalla FIT, che probabilmente vedremo affisso in molte tabaccherie-ricevitorie, elenca tutti gli acquisti che non danno diritto ai biglietti virtuali. Eccoli:

  • Tabacchi
  • Francobolli
  • Valori bollati
  • Lotterie
  • Gratta e vinci
  • Lotto
  • Superenalotto
  • Scommesse
  • Servizi di pagamento
  • Ricariche telefoniche
  • Biglietti del trasporto pubblico
  • Giornali

Al contrario, potranno generare biglietti virtuali gli eventuali acquisti di prodotti di cartoleria, caramelle e snack, balocchi e profumi, anche se effettuati in tabaccheria.

TAG:

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963