Come nascono le strisce sul pelo dei gatti Fonte foto: ISTOCK
SCIENZA

Come nascono le strisce sul pelo dei gatti

La ricerca di alcuni genetisti colma un buco nelle nostre conoscenze sui felini. Perché e come nascono le strisce sul pelo dei gatti.

Esistono innumerevoli leggende popolari, non soltanto in Italia, su come gli animali abbiano acquisito i motivi che caratterizzano il loro pelo: si tratta, ad esempio, dei pois del ghepardo e del leopardo o delle strisce della zebra e della tigre. Parliamo naturalmente di spiegazioni affascinanti ma antiscientifiche, che ci dicono più cose sulla cultura del luogo in cui sono nate e nessuna su come stanno, veramente, le cose.

Nel calderone delle leggende popolari ci sono finiti anche i gatti, che, in alcuni esemplari, presentano, sul corpo, un motivo a strisce. Lasciando da parte le storie che si raccontano ai bambini, proviamo adesso a rispondere alla domanda su come i gatti acquisiscono questa particolare colorazione.

Perché e come nasce il pelo strato dei felini

Secondo un team di studiosi della genetica, che ha pubblicato i risultati di uno studio sulla rivista scientifica Nature Communications, il responsabile del motivo a strisce caratteristico dei gatti è un particolare gene, che gli scienziati ritengono di aver isolato per la prima volta. Si tratta di una ricerca che effettivamente colma un buco riguardante la nostra conoscenza dei gatti.

Il modo in cui i "motivi" del gatto si tramandano è infatti chiaro ai ricercatori, al punto che è possibile, facendo accoppiare alcuni "tipi" di questi animali, ottenere per questo o quel motivo sul pelo. Il modo in cui i modelli emergono in un embrione in crescita però è ancora un mistero irrisolto, che il dottor Gregory S. Barsh, autore del nuovo report, ha provato a mettere in luce.

Perché è importante capire i segreti dei “motivi" dei gatti

“Pensiamo che questo sia davvero un primo passo per capire quali potrebbero essere le molecole" coinvolte nel processo, ha dichiarato Barsh. “Siamo riusciti a far avanzare la nostra comprensione riguardante una delle domande più importanti nella biologia dello sviluppo: come si formano i modelli?".

Il mondo degli animali non smette effettivamente mai di stupire gli studiosi. Soltanto per quel che riguarda le possibilità di sopravvivenza, infatti, i ricercatori hanno osservato l’esistenza di una medusa immortale, che sarebbe l’animale più longevo sulla faccia della Terra. Altre volte le caratteristiche degli animali, che condividono con noi le sorti del pianeta, mettono in luce alcuni problemi di fondo preoccupanti: è il caso degli animali che si stanno restringendo a causa dell’aumento delle temperature.

Giuseppe Giordano

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963