efootball-pes-2020 Fonte foto: Konami
TECH NEWS

Presentato eFootball PES 2020: ufficiali copertina e data di lancio

EFootball PES 2020 è la nuova edizione del videogame di calcio di Konami. Novità importanti per Master League e modalità online. In arrivo il 10 settembre

13 Giugno 2019 - Svelata con netto anticipo rispetto al previsto, quasi in contemporanea con l’annuncio del concorrente FIFA 20 di EA Sports, la nuova versione di Pro Evolution Soccer: si chiamerà eFootball PES 2020 e Konami la distribuirà per PS4, Xbox One e PC (ma non Nintendo Switch) a partire dal 10 settembre 2019.

Il titolo sarà disponibile in due versioni: Standard, con Lionel Messi come uomo copertina, e Legend, con Ronaldinho. La versione Legend Edition permette di ingaggiare come allenatore una delle 11 leggende del calcio moderno: Maradona, Beckham, Batistuta, Totti, Park Ji-Sung, Nakata, Nedved, Kahn, Matthaus e Vieira e include Lionel Messi, come giocatore in prestito, e Ronaldinho in una versione 2019 scansionata in 3D. In più, prenotando la copia digitale si ottiene anche Andres Iniesta (che è stato anche consulente dello sviluppo del gioco) in prestito e 1.000 crediti myClub Coins.

eFootball PES 2020: tutte le novità

Come dice già il nome “eFootball“, l’ultima versione di PES punta tutto sulla community degli appassionati del gioco del calcio online che si sfidano in una competizione ufficiale, ovviamente sponsorizzata da Konami. Oltre a nuove modalità online, Konami ha portato grosse novità anche nella Master League, modalità amatissima dai fan del gioco. Novità anche nell’algoritmo di gestione del mercato, che ora prende in considerazione più fattori per calcolare i trasferimenti e i relativi costi. E’ poi possibile personalizzare i loghi degli sponsor, che saranno mostrati anche nei banner pubblicitari durante le interviste post partita. Si può personalizzare anche l’allenatore e moltissimi altri dettagli del gioco.

Come si gioca a eFootball PES 2020

Chi ha già provato il nuovo PES 2020 ha riscontrato un netto miglioramento nella possibilità di controllare i movimenti dei giocatori. Konami ha ad esempio introdotto il cosiddetto “Finesse Dribbling“: sfiorando l’analogico destro possiamo spostare la palla di lato per mandare fuori tempo l’avversario che ci sta davanti. Anche i movimenti di base, come passaggi, tiri, stop e colpi di testa sono stati migliorati e, soprattutto, sono ora molto più simili a quelli reali dei giocatori in carne ed ossa. Infine, come già fatto da EA con FIFA 20, anche Konami ha lavorato molto sulla fisica della palla e sull’intelligenza artificiale per rendere più realistici i movimenti della difesa e dei giocatori senza palla.

Contenuti sponsorizzati