625ccca4b56452b058da5beaa1420cd0.jpg Fonte foto: ANSA
TECH NEWS

Primo messaggio su molecola sintetica

Apre strada a dispositivi memoria 1/100 più piccoli hard disk

(ANSA) – ROMA, 18 OTT – Letto il primo messaggio scritto in codice su una molecola sintetica. E’ un risultato importante perchè dimostra che è possibile immagazzinare dati su dispositivi 100 volte più piccoli degli attuali hard disk. Lo spiegano sulla rivista Nature communications i ricercatori dell’Istituto Charles Sadron di Strasburgo, guidati da Jean-Francois Lutz. Per anni il problema è stato cercare di registrare informazioni su molecole ‘lunghe’ come quelle dei polimeri sintetici, che hanno un grande potenziale. Richiedono infatti un centesimo dello spazio oggi necessario agli hard disk e il loro uso potrebbe quindi ridurre di parecchio le dimensioni dei supporti di memoria nei computer. I ricercatori sono riusciti a sequenziare dei polimeri che riuscivano a contenere fino a 8 byte di dati, registrando la parola ‘sequenza’ secondo un particolare codice. Questa parola è stata poi decodificata sempre usando lo spettrometro, il che rappresenta un nuovo record per la lunghezza della molecola.

Contenuti sponsorizzati