wifi Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

Problema sicurezza Wi-Fi, a rischio miliardi di smartphone e PC

I ricercatori informatici di ESET hanno scoperto un bug di sicurezza informatica che affligge i dispositivi Wi-Fi. Milioni di smartphone in pericolo

Si chiama “Kr00k” l’ultima minaccia che mette a rischio la sicurezza di oltre un milione di dispositivi Wi-Fi che integrano chip prodotti da Broadcom e Cypress. E’ stata scoperta dai ricercatori di ESET, che le hanno assegnato il codice CVE-2019-15126.

I ricercatori hanno dimostrato che, a causa di questa falla, un attacco hacker può riuscire a decriptare almeno parte dei pacchetti trasmessi da questi dispositivi tramite una rete Wi-Fi. Il problema più grosso deriva dal fatto che sul mercato non ci sono solo smartphone e PC che integrano questi chip vulnerabili, ma anche router ed access point. E questo rende insicura l’intera rete Wi-Fi gestita da questi dispositivi. Per fortuna la maggior parte dei produttori di dispositivi Wi-Fi che integrano i chip di Broadcom e Cypress hanno già rilasciato le rispettive patch per correggere la falla Kr00k, ma è chiaro che i dispositivi da aggiornare sono un numero enorme.

Vulnerabilità Kr00k: come funziona

La falla alla sicurezza dei dispositivi Wi-Fi denominata Kr00k è collegata ad un’altra falla, chiamata KRACK (Key Reinstallation Attacks) scoperta nel 2017 dal ricercatore Mathy Vanhoef di imec-DistriNet nel 2017, ma ha anche delle caratteristiche peculiari che fanno sì che i dispositivi precedentemente patchati per KRACK siano ancora vulnerabili a Kr00k. La vulnerabilità interessa sia i protocolli WPA2-Personal che WPA2-Enterprise, con crittografia AES-CCMP.

Quando un dispositivo viene “associato” e “disassociato” ad una rete Wi-Fi viene scambiata la chiave di sicurezza WPA2, necessaria all’autenticazione. Durante la procedura, ad un certo punto, viene scambiata anche una chiave temporanea che viene salvata all’interno del chip e poi cancellata sovrascrivendovi una sequenza di zero. Purtroppo, però, i dati immagazzinati in questo passaggio possono essere decriptati a causa della falla Kr00k.

Quali dispositivi sono affetti da Kr00k

I chip affetti da questa vulnerabilità sono tra i più diffusi nei dispositivi con connessione Wi-Fi. Soltanto ad una prima ricognizione, ESET ha trovato tali chip all’interno di dispositivi Amazon (Echo, Kindle), Apple (iPhone, iPad, MacBook), Google (Nexus), Samsung (Galaxy), Raspberry (Pi 3), Xiaomi (RedMi), e in alcuni access point di Asus e Huawei. Il totale di questi dispositivi già venduti e circolanti supera il miliardo, ma la stessa ESET avverte che si tratta di una stima conservativa e che potrebbero esserci molti altri dispositivi vulnerabili che non rientrano in questo primo censimento.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963