Libero
qualcomm snapdragon Fonte foto: Alberto Garcia Guillen / Shutterstock
TECH NEWS

Quando arriva il nuovo chip Snapdragon 898: la data ufficiale

Qualcomm ha annunciato le date dell'evento Tech Summit 2021, durante il quale verrà fuori con ogni probabilità lo Snapdragon 898

Nonostante la crisi dei chip mieta vittime a più non posso, Qualcomm potrebbe presentare il chip migliore della sua offerta per il 2022 addirittura in anticipo rispetto allo scorso anno. È nota ed evidente a tutti la gravità della situazione attuale: di smartphone, laptop e derivati non se ne trovano, e anche l’industria dell’auto attraversa gravi difficoltà.

La ragione è semplice quanto apparentemente irrisolvibile nel breve e nel medio periodo: l’industria dei chip non riesce a produrne abbastanza da soddisfare la domanda, impazzita a causa della pandemia e delle sue nuove esigenze, e mandata fuori fase dai continui stop alla produzione determinati dall’acutizzarsi dei contagi di Covid-19. E se non ci sono chip non ci sono nemmeno smartphone o automobili, ed ecco spiegata la paralisi di parecchi segmenti produttivi. L’auspicio è che il segnale di Qualcomm, che potrebbe presentare lo Snapdragon 898 leggermente in anticipo rispetto al 2020, possa preannunciare un lento ma graduale ritorno alla normalità.

Snapdragon 898, quando arriva

Che lo Snapdragon 898 sia destinato a venir fuori durante il Tech Summit 2021 di Qualcomm è pressoché certo. La leggera incertezza che insiste sulla sua presentazione riguarda il giorno dei tre in cui debutterà del chip di punta del 2022: l’evento si svolgerà dal 30 novembre al 2 dicembre prossimi, e in passato Qualcomm ha annunciato il suo chip migliore a battenti appena aperti.

Se gli eventi dovessero ricalcare quelli dello scorso anno quindi, lo Snapdragon 898 verrà fuori il 30 novembre, ossia due giorni prima rispetto allo Snapdragon 888 che invece è stato annunciato il 2 dicembre 2020.

Snapdragon 898, com’è fatto

Le ultime indiscrezioni tracciano un ritratto piuttosto preciso dello Snapdragon 898 di Qualcomm, che sarà realizzato con processo produttivo a 4 nanometri (l’attuale Snapdragon 888 è a 5 nm). La sua punta di diamante sarà il core Prime basato sull’architettura ARM Cortex-X2, e si preannuncia davvero un’esplosione di potenza grazie ai 3 GHz di frequenza massima; di fianco ci saranno tre core di media potenza basati sull’architettura ARM Cortex-A710 con una frequenza di clock da 2,5 GHz; in ultimo, per gestire le operazioni meno impegnative senza consumare quantità eccessive di energia, ci saranno quattro core basati sull’architettura ARM Cortex-A510 con clock di 1,79 GHz.

Ci sono buone chance che i chip di punta del prossimo anno condivideranno architetture piuttosto simili, quindi la differenza prestazionale tra le varie proposte sarà principalmente affidata alla GPU, che nel caso dello Snapdragon 898 di Qualcomm sarà la Adreno 730, sulle cui specifiche però c’è ancora riserbo.

Non dovrebbe comunque difettare in prestazioni, dal momento che lo Snapdragon 898 sarà chiamato a tener testa al chip Exynos 2200 di Samsung che, avendo una GPU sviluppata in collaborazione con gli uomini di AMD, si preannuncia un concorrente molto scomodo. Qualcomm non vorrà essere da meno, per cui la GPU Adreno 730 di Snapdragon 898 sarà certamente altrettanto potente. C’è poi un terzo incomodo che, quest’anno, potrebbe stupire tutti: è il MediaTek Dimensity 2000.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963