notebook-battery Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Quando cambiare la batteria del notebook o del MacBook

Sui computer portatili che girano con Windows 10 e sui laptop di Apple ci sono degli strumenti molto utili con cui verificare lo stato di salute delle batterie

Batteria, croce e delizia degli utenti. Infatti, nonostante i progressi raggiunti negli ultimi anni, le batterie a litio continuano a essere delicate e dopo un po’ di tempo iniziano a non rendere più come prima, ossia perdono in autonomia. Un problema che riguarda sia gli smartphone sia i notebook.

Non importa quanta attenzione si faccia, tutte le batterie sono destinate a non durare per sempre. Se tenute bene, comunque, il decadimento avviene lentamente e in maniera graduale. Come consigliano molti esperti, mettendo in pratica alcuni semplici accorgimenti, infatti, è possibile mantenere le batterie in salute e prolungare i loro cicli di carica (che sono limitati). Detto ciò, in ogni caso è importante conoscere quali sono le condizioni delle batterie dei nostri dispositivi, in modo tale da sapere quando è il caso di cambiarla ed evitare così di andare incontro a spiacevoli sorprese.

Come fare? Sui computer che girano con Windows 10 e sui MacBook ci sono degli strumenti molto utili con cui verificare lo stato delle batterie.

Windows 10

Microsoft su Windows 10 – ma anche su Windows 8 – permette di conoscere le condizioni della batteria del portatile, attraverso una funzione accessibile dal “Prompt dei comandi”. L’utility, una volta lanciata, effettua un’analisi della batteria e poi salva il report sul computer. Il file è in formato HTML: ciò significa che tutte le informazioni contenute al suo interno saranno visibili dal browser.

Nel documento sono riporti molti dati e numerose statistiche, divisi in più categorie, che vanno dal produttore a soprattutto la capacità di carica attuale e la stima di vita della batteria in condizioni di uso ottimale. Le informazioni forniscono un quadro generale sulle condizioni della batteria del portatile e se, comprese correttamente, possono aiutare l’utente a capire quando cambiarla.

Lanciare il tool di Windows è molto semplice. Recatevi nella barra di ricerca e scrivete “cmd”. In alternativa, potreste anche premere il tasto “Windows” + “X”. Fatto ciò, copiate e incollate la seguente stringa di caratteri: powercfg /batteryreport /output “C:\battery_report.htm nel “Prompt dei comandi”. A questo punto, cliccate su invio e il gioco è fatto.

MacBook

Non solo sui pc Windows è possibile effettuare un’analisi della batteria. Su macOS, infatti, c’è un’utility simile a quella presente nel sistema operativo di Microsoft. E anche in questo caso, conoscere le condizioni della batteria del portatile di Apple è davvero molto semplice. Nel report sono comprese molte informazioni, tra cui il numero di cicli di carica raggiunti. Un elemento quest’ultimo fondamentale per valutare quanto tempo resta alla batteria prima di non funzionare più.

Per leggere tutti questi dati è sufficiente premere prima su “Informazioni su questo Mac” dal menu “Apple”. Successivamente, tra le diverse voci presenti nella sezione “Hardware”, trovate e premete su “Energia”. Si aprirà una finestra con diverse informazioni sulla batteria, tra cui il numero di cicli di ricarica, probabilmente il dato più importante per capire la situazione di salute della batteria.

Un altro modo per sapere le condizioni della batteria del MacBook è premere sull’icona presente nella home del computer: si aprirà un menu con una sezione dedicata appositamente a questo problema. Il MacBook fornirà indicazioni sullo stato di salute della batteria (che vanno da Normale a Cambiare al più presto) che permetteranno di capire se è necessario sostituirla.

Contenuti sponsorizzati