iphone rotto Fonte foto: Anatoly Vartanov / Shutterstock.com
APPLE

Riparare iPhone costa troppo e Apple ci rimette

Apple riparerebbe i dispositivi rotti o difettosi in perdita. Rimettendoci dunque dei soldi. Questo, almeno, è quello che sostiene un alto dirigente

26 Novembre 2019 - La casa di Cupertino spende più di quanto guadagna dalle riparazioni dei propri device? Così sembra stando a quanto dichiarato in un intervento al Congresso statunitense Kyle Andeer, Vice Presidente Corporate Law di Apple.

Il colletto bianco della Apple, che si occupa di diritto societario, era stato interrogato in merito al funzionamento dell’assistenza clienti e all’accusa spesso rivolta all’azienda californiana sull’usanza di privilegiare il proprio network di assistenza rispetto ai centri indipendenti spesso più economici. E, stando alle risposte fornite da Andeer, gli utenti potrebbero iniziare a storcere il naso. Eccezion fatta per alcuni interventi “straordinari” (come la sostituzione delle batterie difettose dell’iPhone 6S), gli interventi di riparazione dei prodotti Apple sono piuttosto costosi.

Quanto costa riparare un iPhone o un MacBook

Per riparare uno schermo di un MacBook si possono spendere fino a 1.000 euro, 350 euro per quello di un iPhone. Parliamo di cifre importanti, superiori a quelle applicate dai diretti concorrenti della casa di Cupertino. Apple ha sempre dichiarato che il costo delle riparazioni è elevato poiché si tratta di interventi precisi e delicati, che se non venissero svolti correttamente potrebbero compromettere per sempre l’integrità del dispositivo da riparare.

Dallo scorso agosto, però, la politica Apple sembra essere cambiata. La casa di Cupertino ha annunciato un vero cambio di rotta, permettendo ad un numero maggiore di centri di assistenza, sia grandi che piccoli, di usufruire degli stessi ricambi e strumenti originali utilizzati nei centri assistenza degli Apple Store. Non solo, Apple ha iniziato a mettere a disposizione i manuali di riparazione, organizzato corsi di formazione e condividendo i tool di diagnostica utilizzati dai Centri Assistenza Autorizzati Apple.

La teoria di Kyle Andeer

Secondo il Vice Presidente Corporate Law di Apple la società statunitense spenderebbe più di quanto gli utenti pagano gli interventi di riparazione. Ma le cose stanno veramente così? Secondo alcuni analisti, Andeer avrebbe inserito nel conto anche gli interventi che la casa di Cupertino effettua in garanzia, inclusi quelli coperti da Apple Care, la copertura assicurativa che protegge l’acquirente da eventuali danni per ulteriori 24 mesi rispetto a quelli già previsti dalla legge.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963