TECH NEWS

Roberto Prampolini: "Mortal Kombat 11, un titolo esport ready"

Al Comicon di Napoli, abbiamo incontrato il caster Roberto Prampolini, che ci ha parlato del legame tra eSport e Mortal Kombat 11.

Al Comicon di Napoli, che si è tenuto da giovedì 25 aprile a domenica 28 aprile nel capoluogo campano, abbiamo avuto modo di intervistare Roberto Prampolini, caster di PG Esports, presente all’evento soprattutto per parlare di Mortal Kombat 11, picchiaduro sviluppato da NetherRealm Studios e uscito il 23 aprile. Secondo Prampolini, l’ultimo capitolo della saga apre le porte agli eSports anche per i giochi basati sul combattimento (il mondo degli eSport vede infatti al momento diffusi diversi tipi di gioco, come Fortnite).

“Siamo qui per uno stand dedicato a Mortal Kombat 11, ultimo capitolo della saga che inserisce uno scenario totalmente diverso. – ci dice subito Prampolini – Questo è un titolo esport ready e sono qui per dare un input più esportivo“.

“Per i giochi da combattimento la dimensione eSportiva è sempre molto articolata – ci spiega poi Roberto – vengono giocati frame per frame e, prima di questo Mortal Kombat, se volevi scoprire come giocare dovevi appiccicarti a un’enciclopedia online, perché il gioco non ti diceva nulla. Mortal Kombat 11, al contrario, ha un sistema che permette anche ai neofiti di imparare tutti i meccanismi possibili, dai singoli danni al valore numerico della vita, e ti spiega anatomicamente ogni singola mossa, così che tutti abbiano lo stesso livello di conoscenza. Se tutti hanno lo stesso livello di conoscenza, ciò che conta è quindi la capacità personale”.

Un ultimo commento Prampolini lo riserva al Comicon: “Se si parla di gaming, il Comicon è una gran bella venue soprattutto per il pubblico. – commenta – C’è un calore umano piacevolissimo e quando si parla di eSport è importante avere un alto coinvolgimento di pubblico”.

Contenuti sponsorizzati

TAG: