Libero
Scoperta nuova specie di dinosauro dal naso grosso Fonte foto: 123rf
SCIENZA

Scoperta nuova specie di dinosauro dal naso grosso

L’esemplare ha un osso nasale bulboso unico. A identificarla è stato un medico di famiglia in pensione, mentre stava catalogando delle ossa di iguanodonte.

È stata scoperta una nuova specie di dinosauro con una particolarità unica: un naso estremamente grande. A identificarlo è stato un medico di famiglia in pensione, Jeremy Lockood, che sta ora studiando per un dottorato di ricerca all’università di Portsmouth in Inghilterra. L’uomo si era dato il compito di catalogare ogni osso di iguanodonte scoperto sull’isola di Wight. Proprio mentre ordinava le ossa delle collezioni del Museo di storia naturale di Londra e del museo dell’isola dei dinosauri sull’isola di Wight, ha scoperto un esemplare con un osso nasale “bulboso" mai osservato prima d’ora. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Systematic Paleontology.

La scoperta del dinosauro dal naso grosso

"Per oltre 100 anni, abbiamo visto solo due tipi di dinosauri sull’isola di Wight: l’Iguanodon bernissartensis e il Mantellisaurus atherfieldensis – ha detto Lockood – ero convinto che le sottili differenze tra le ossa avrebbero rivelato una nuova specie, quindi ho deciso di misurare, fotografare e studiare l’anatomia di ogni osso". Ci sono voluti quattro anni di disimballaggio e studio per ricostruire il cranio di un esemplare che era stato immagazzinato dal 1978. I reperti presentavano diverse caratteristiche che lo contraddistinguevano, tra queste il numero di denti che nel Mantellisaurus è di 23 o 24, mentre nell’animale ricostruito è di 28. "Aveva anche un naso a bulbo, mentre le altre specie hanno nasi molto diritti. Nel complesso, queste e altre piccole differenze lo hanno reso ovviamente una nuova specie", ha spiegato Lockood".

Le caratteristiche del dinosauro dal naso grosso

Il dinosauro doveva essere un erbivoro della lunghezza di circa 8 metri e dal peso di 900 kg. Lockwood, in collaborazione con il professor David Martill, dell’Università di Portsmouth, e della dottoressa Susannah Maidment, del Museo di storia naturale, ha chiamato la nuova specie Brighstoneus simmondsi. L’esemplare prende il nome dal villaggio di Brighstone sull’isola di Wight, che è vicino al sito dello scavo, e l’ultima parte è in onore di Keith Simmonds, un collezionista dilettante, che è stato coinvolto nella ricerca.

La scoperta di questa nuova specie suggerisce che c’erano molti più dinosauri iguanodontiani nel primo Cretaceo del Regno Unito di quanto si pensasse in precedenza. “Sembra così improbabile che due animali siano esattamente gli stessi per milioni di anni senza cambiamenti", ha detto Lockwood. Con l’individuazione del Brighstoneus, la convenzione di assegnare i fossili trovati sull’isola di Wight direttamente alle specie Iguanodon o Mantellisaurus dovrebbe perciò essere riconsiderata.

Recentemente è anche stato scoperto che i dinosauri erano animali sociali. Mentre in Australia sono stati rinvenuti dei fossili del "drago" più grande vissuto sul continente.

Stefania Bernardini

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963