sicurezza-wifi-vulenrabilita Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

Sicurezza Wi-Fi, vulnerabilità mette a rischio tutti gli utenti

I ricercatori per la sicurezza informatica hanno scoperto una falla nel sistema di crittografia della maggior parte dei router attualmente in commercio

16 Ottobre 2017 - Una nuova ricerca, portata avanti dal CERT degli Stati Uniti, ha scoperto una nuova vulnerabilità presente nella maggior parte dei router Wi-Fi usati nelle nostre abitazioni che mette in serio pericolo la sicurezza informatica di milioni di utenti. Grazie a questa falla gli hacker sarebbero in grado di by passare il protocollo di protezione Wi-Fi Protected Access II (WPA2).

Grazie a questa vulnerabilità il cyber criminale può “inserirsi” nella connessione tra router e computer e può decidere a proprio piacimento se rubare dei dati contenuti nel nostro PC, installare dei software oppure reindirizzarci verso un particolare sito web, ma può persino spiarci e duplicare i nostri contenuti multimediali. Secondo i ricercatori la falla è presente nel protocollo che viene utilizzato dagli utenti per autenticarsi all’interno della rete Wi-Fi protetta dal WPA2 (definito in gergo tecnico four-way handshake). Alcune aziende sembrano aver già realizzato delle patch di sicurezza per i loro router e access point Wi-Fi, ma in un primo momento milioni e milioni di utenti saranno a rischio attacco informatico.

Falla che interessa milioni di utenti

La falla del protocollo WPA2 sarà presentata e discussa il 1 novembre 2017 nel corso della conferenza “ACM Conference on Computer and Communications Security” e, nelle ore successive, distribuita online attraverso il sito Internet krackattacks.com. Con questa mossa i ricercatori sperano di invogliare i produttori di dispositivi Wi-Fi a prendere dei seri provvedimenti per migliorare la sicurezza dei router degli utenti. Al momento, infatti, quasi tutte le persone che usano un router in casa o in ufficio sono a rischio.

Come difendersi dalla vulnerabilità del WPA2

Per ora il consiglio degli esperti è quello di utilizzare la connessione Wi-Fi il meno possibile, almeno fino a quando i router o access point che si utilizzano non riceveranno l’aggiornamento di sicurezza. Ogni volta che navighiamo in Rete, inoltre, è preferibile usare protocolli di crittografia come lo HTTPS, così da proteggere i propri dati e le proprie comunicazioni. In aggiunta l’utilizzo di una VPN dovrebbe proteggerci, almeno in parte, da questa nuova vulnerabilità. Una virtual private network, infatti, consente di mantenere private le nostre informazioni anche quando andiamo online.

Contenuti sponsorizzati