Libero
apple sos via satellite Fonte foto: Apple
APPLE

SOS via satellite: l'iPhone salva due ragazzi finiti in una scarpata

La chiamata di emergenza di Apple, disponibile in alcuni Paesi, sta dimostrando quanto sia valida in caso di incidenti quando non c’è segnale telefonico

Dopo l’uomo rimasto in panne con la sua motoslitta in una zona impervia dell’Alaska, che ha potuto riabbracciare i suoi cari grazie all’intervento di una squadra di soccorso allertata tramite l’SOS via satellite partito dal suo iPhone, arrivano altre buone nuove dagli Stati Uniti a dimostrazione dell’utilità di questo servizio Apple: questa volta a dover dire grazie all’SOS satellitare sono stati due ragazzi di appena vent’anni.

Giù nella scarpata con l’auto: salvati dall’iPhone

L’ultimo episodio di soccorso andato a buon fine grazie all’SOS via satellite di Apple arriva dalla California. Due ventenni (un ragazzo e una ragazza) sono finiti in una scarpata con la loro auto e quando si sono ripresi dall’incidente si sono resi conto che i loro cellulari non avevano campo per poter effettuare una chiamata di soccorso.

Uno dei due ragazzi per fortuna aveva un iPhone di ultima generazione ed ha potuto attivare l’SOS via Satellite che è stato recapitato alla centrale operativa di Apple. Gli addetti al servizio, dopo aver verificato le condizioni di salute dei due malcapitati hanno messo in moto la macchina dei soccorsi, inviando allo sceriffo della zona l’esatta posizione via GPS di dove è avvenuto l’incidente.

È stato poi un elicottero, con a bordo di un paramedico, a prestare soccorso ai due giovani e riportarli sul ciglio della strada dove hanno poi beneficiato delle cure mediche del caso. Il tutto si concluso nel migliore dei modi possibile ma viene da chiedersi cosa sarebbe successo se nessuno dei due ragazzi avesse avuto con sé un iPhone.

Come funziona l’SOS via satellite di Apple

L’SOS via satellite, insieme al rilevamento automatico degli incidenti in auto, è una delle ultime funzioni di sicurezza dedicate ai possessori di iPhone 14. In caso di un incidente, tramite l’app si può inviare una richiesta d’aiuto, utilizzando appunto la rete di satelliti a cui si appoggia il servizio si Apple.

Per prima cosa, l’app aiuta il richiedente soccorso a posizionare il proprio smartphone per ottenere la migliore ricezione possibile dai satelliti. Una volta mandato l’SOS questo viene recepito dalla centrale operativa di Apple che dopo aver appurato lo stato di salute del malcapitato allerta i soccorsi nella zona inviando l’esatta posizione con le relative coordinate GPS.

Il servizio è stato lanciato negli Stati Uniti e in Canada e da qualche giorno è arrivato anche in Europa, per la precisione in Germania, Regno Unito, Francia e Irlanda del Nord. E visto quanto può essere utile in caso di incidenti speriamo che presto l’SOS via satellite venga implementato anche in Italia.

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963