Libero
Ora si sa cosa ha causato la strana luce nel cielo circa 900 anni fa Fonte foto: X-ray: NASA/CXC/SAO & ESA; Infared: NASA/JPL-Caltech/B. Williams (NCSU)
SCIENZA

Ora si sa cosa ha causato la strana luce nel cielo circa 900 anni fa

Rimasta un mistero per 840 anni, ora si è scoperto cosa l’aveva causata: la “colpa” sarebbe di due stelle. Nel XII secolo, gli astronomi cinesi e giapponesi avevano individuato una luce brillante quanto Saturno.

La causa della provenienza di una strana luce, che gli astronomi cinesi e giapponesi individuarono nel cielo nel XII secolo, è rimasta avvolta nel mistero per 840 anni. La sua luminosità era pari alla brillantezza di Saturno e, all’epoca dell’avvistamento, era stata identificata come una potente esplosione stellare nota come supernova di cui era stata segnata la posizione approssimativa. Ora gli astronomi hanno risolto l’enigma su cosa l’abbia provocata: sarebbe stato lo scontro nella Via Lattea di due stelle estremamente dense che hanno dato origine alla supernova.

L’origine della strana luce nel cielo

L’esplosione ha probabilmente provocato la formazione di una stella rovente, ora nota come stella di Parker, e una nebulosa, un guscio in espansione di gas e polvere, chiamato Pa 30. Questa supernova, o la cosiddetta Chinese Guest Star, del 1181 d.C. (che rimase visibile dal 6 agosto al 6 febbraio di quell’anno) è solo una delle nove supernove storicamente registrate nella nostra galassia, secondo lo studio, pubblicato sul The Astrophysical Journal Letters. Gli astronomi hanno identificato i resti di solo una manciata di queste supernove, ma la Guest Star cinese era l’unica supernova dell’ultimo millennio i cui resti non erano ancora stati trovati.

Gli astronomi hanno scoperto la nebulosa Pa 30 nel 2013. Quindi, nel nuovo studio, i ricercatori hanno calcolato la velocità di espansione di Pa 30. Hanno scoperto che si stava gonfiando a una velocità di 1.100 chilometri al secondo. Conoscendo questa velocità, hanno calcolato che la nebulosa deve essere nata circa 1.000 anni fa, il che collocherebbe le sue origini intorno al periodo in cui è apparsa l’antica supernova. I ricercatori avevano anche documenti storici che descrivono la stella. “I resoconti storici collocano la Guest Star tra due costellazioni cinesi, Chuanshe e Huagai. La stella di Parker si adatta bene alla posizione", ha detto in una dichiarazione Albert Zijlstra, professore di astrofisica presso l’Università di Manchester nel Regno Unito. “Ciò significa che sia l’età che il luogo corrispondono agli eventi del 1181". In precedenza, i ricercatori avevano proposto che Pa 30 e la stella di Parker fossero il risultato della fusione di due nane bianche, stelle estremamente dense che hanno consumato tutto il loro combustibile nucleare. Tali fusioni portano a un tipo di supernova relativamente debole e raro noto come supernova di tipo lax.

Secondo Zijlstra, la supernova del 1181 d.C. era debole e sbiadiva molto lentamente, cosa che ha suggerito che fosse probabilmente una supernova di tipo lassista. “La combinazione di tutte queste informazioni – come l’età, la posizione, la luminosità dell’evento e la durata storicamente registrata di 185 giorni" suggerisce che la stella di Parker e Pa 30 sono i resti di questa antica supernova, ha detto Zijlstra. La strana luce di 840 anni fa sarebbe quindi l’unica supernova conosciuta di tipo lax per la quale gli astronomi possono condurre studi dettagliati.

Riguardo alle stelle, un altro studio ha individuato che le nane bianche sono in grado di rallentare il loro processo d’invecchiamento.

Stefania Bernardini

Libero Annunci

Libero Shopping

Servizi di Libero

Cupido

Trova la tua anima gemellaIncontra la persona che fa per te tra i tanti profili in
cerca d’amore. Provaci, è gratis!

CERCA PARTNER

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963