microsoft teams Fonte foto: Piotr Swat / Shutterstock.com
TECH NEWS

Teams sempre più simile a Skype: le nuove funzioni in arrivo

Microsoft ha mostrato le prossime novità che verranno sviluppate per Teams. La piattaforma diventerà sempre più simile a Skype e aiuterà a programmare al meglio la vita lavorativa e personale

L’emergenza Covid-19 sembra aver dato una forte accelerazione ai piani di sviluppo di Teams, l’app per le videoconferenze e lo smart working di Microsoft. La società di Redmond, infatti, nel corso dell’evento online durante il quale ha anche annunciato che Office 365 diventerà Microsoft 365, ha detto chiaramente che sono in arrivo diverse novità per Teams.

Novità che lo faranno avvicinare a Skype, altra app in forte ascesa a causa della quarantena. Teams, in buona sostanza, cambierà un bel po’ pelle uscendo dall’ambito esclusivamente lavorativo per cui è nato e aprendosi alla gestione e organizzazione degli appuntamenti e delle comunicazioni per la vita privata. Microsoft non ha purtroppo comunicato quando ciò avverrà esattamente, ma d’altronde è anche comprensibile che in questo periodo persino un gigante come Microsoft abbia difficoltà a fare previsioni e programmazioni attendibili. Sembra comunque solo questione di pochi mesi, ma prima o poi vedremo un nuovo Teams.

Microsoft Teams: cosa cambierà

Durante l’evento, Microsoft ha comunicato che al momento sono 44 milioni nel mondo gli utenti che stanno usando Teams, in netta crescita rispetto ai mesi scorsi. Quando verranno introdotte le novità annunciate, Teams potrà gestire, in due spazi separati, gli appuntamenti con le chat lavorative e quelle personali. Ci sarà anche la possibilità di creare liste di cose da fare non per lavoro, che potranno essere assegnate a diversi membri del “team famiglia“. Dal punto di vista della struttura, quindi, non cambierà molto: in teoria già oggi è possibile gestire i propri appuntamenti personali con Teams, ma in futuro sarà più semplice tenerli separati da quelli lavorativi e non fare confusione tra i due gruppi di cose da fare e persone da contattare.

La crescita di Skype

Se Teams si avvicina a Skype, però, è anche perché Skype sta crescendo vorticosamente in queste settimane di isolamento domestico: Microsoft dichiara una crescita degli utenti giornalieri pari al 70% rispetto al mese di febbraio e un aumento del 220% nei minuti di chiamate e videochiamate effettuate dagli utenti, che salgono a 40 milioni. Negli ultimi mesi Microsoft ha fatto di tutto per spingere l’utilizzo di Skype, introducendo nuove funzioni come “Meet Now” (Riunione immediata, in italiano), che offre la possibilità di far partecipare alle videoriunioni anche chi non ha un account Skype. E questa, a sua volta, è una funzionalità ripresa da Teams. I due servizi, quindi, si stanno progressivamente avvicinando e assomigliando sempre di più.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963