telegram-down Fonte foto: BigTunaOnline / Shutterstock.com
APP

Telegram non funziona, 29 marzo: cosa sta succedendo

L’applicazione di messaggistica non funziona in tutta Europa e in gran parte del Medio Oriente. I problemi derivano dalla mancanza di energia ai server dell'app

29 Marzo 2018 - Telegram è down dalle 10:30 del 29 marzo e non permette agli utenti di ricevere e di inviare i messaggi. In questo mese è già la seconda volta che l’applicazione di messaggistica istantanea smette di funzionare in tutta Europa, creando seri problemi agli utenti che utilizzano quotidianamente la piattaforma.

Da poco Telegram ha annunciato di aver superato i 200 milioni di utenti attivi ogni mese, ma allo stesso tempo sono cresciuti anche i problemi di stabilità dell’applicazione. A segnalare i problemi di funzionamento è stata la stessa azienda russa che sul proprio account Twitter ha annunciato che l’applicazione è down in tutta Europa e nel Medio Oriente. Anche sul sito downdetector.com, che permette agli utenti di capire se un servizio funziona, sono arrivate migliaia di segnalazioni in poco tempo su Telegram down. Il problema sembra essere abbastanza serio, dato che coinvolge tutta l’Europa.

Perchè Telegram non funziona

Mappa Telegram downFonte foto: Redazione
Dove Telegram non funziona

Nel tweet pubblicato sul proprio account, Telegram non ha voluto fornire il motivo per il quale l’applicazione non funziona. Ha rassicurato solamente gli utenti dicendo di essere al lavoro per risolvere al più presto il problema. Un tweet successivo di Pavel Durov, uno dei creatori di Telegram, ha spiegato che il motivo del malfunzionamento è stato causato dalla mancanza di energia elettrica ai server dell’applicazione. L’azienda sta facendo di tutto per far tornare Telegram online, ma tutto dipende dal provider del datacenter.

#telegramdown su Twitter

L’hashtag #telegramdown è subito diventato virale su Twitter con centinaia di utenti italiani che segnalano il problema.

Le alternative a Telegram

Se Telegram non funziona, di certo non mancano le alternative. La prima è sicuramente WhatsApp, l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo e presente oramai sulla gran parte degli smartphone. Altra valida alternativa è Facebook Messenger, servizio di messaggistica che può essere utilizzato direttamente da Facebook. Ma entrambi non hanno una caratteristica che ha fatto la fortuna di Telegram: la possibilità di creare dei canali che permettono di restare sempre informati su quello che sta accadendo nel mondo.

Contenuti sponsorizzati