Libero
La NASA ha registrato un lungo e potente terremoto su Marte Fonte foto: ANSA
SCIENZA

Il lander della NASA ha registrato un lungo e potente terremoto su Marte

Il fenomeno sismico è durato 90 minuti e ha avuto una magnitudo si 4.2. Marte, il lander InSight della NASA registra un terremoto lunghissimo.

Il flusso di aggiornamenti dal Pianeta Rosso non dà alcun segno di diminuire: la NASA sta investigando le caratteristiche di Marte grazie a InSight Mars. In precedenza Perseverance, un rover, ha raccolto una roccia, da trasportare a questo punto nei laboratori degli scienziati che ne decifreranno ogni segreto. Le ultime notizie però arrivano dal lander, che ha registrato un fenomeno sismico decisamente interessante.

Quanto è lungo e quanto è potente l’ultimo terremoto registrato dalla NASA su Marte

Le rilevazioni del lander hanno messo al corrente gli scienziati sulla Terra di uno dei terremoti più forti e più lunghi mai registrati su Marte. L’evento, avvenuto lo scorso 18 settembre, ha avuto una magnitudo di 4.2 e ha scosso il suolo per un tempo incredibilmente lungo: un’ora e mezza.

Non si tratta dell’unico terremoto su Marte del quale siamo stati messi al corrente. Però è sicuramente di quello, tra tutti, che spicca per lunghezza e potenza.  Nell’ultimo mese, ad esempio, ne sono stati registrati ben due, entrambi il ​​25 agosto, la cui lunghezza e potenza è risultata tuttavia inferiore se confrontata al fenomeno sismico del weekend. Per avere un’idea degli ordini di grandezza, il terremoto di sabato è oltre cinque volte più forte del precedente terremoto-record, rilevato nel 2019.

Il lander è capace di rilevare i terremoti anche a lunghissima distanza. È successo quando la terra, su Marte, ha tremato il 25 agosto: il lander si è accorto che qualcosa stava succedendo a ben 8.500 chilometri di distanza.

Grazie ai terremoti siamo riusciti a capire come è fatto l’interno di Marte

I terremoti sembrano un elemento chiave al fine di decifrare il misterioso ecosistema del quarto pianeta del Sistema Solare. Grazie ad essi, infatti, i ricercatori della NASA hanno scoperto come è fatto il cuore di Marte.

C’è anche da tirare un sospiro di sollievo: perché tra Marte e la Terra è stato previsto un lasso di tempo di "silenzio stampa", durante il quale le comunicazioni con Marte sarebbero state interrotte a causa dell’interposizione del sole tra i due pianeti dalle orbite contigue.

Il terremoto è stato rilevato in occasione del millesimo giorno di permanenza del lander su Marte: insomma, si è trattato di regalo di anniversario davvero niente male.

Giuseppe Giordano

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963