Tumblr

Tumblr dice addio al porno: contenuti al bando dal 17 dicembre

Dopo lo scandalo dei contenuti pedo-pornografici che hanno portato alla cancellazione dall'App Store il social media Tumblr ha iniziato a censurare i nudi

4 Dicembre 2018 - A partire dal 17 dicembre 2018 la piattaforma social di Tumblr vieterà la pubblicazione di qualsiasi contenuto per adulti all’interno della sua piattaforma. Il divieto include foto e contenuti con chiaro riferimento al sesso, ai nudi espliciti e colpirà anche i cosiddetti nudi artistici. La scelta è stata presa per sradicare il gran numero di gruppi legati al porno attivi su Tumblr.

L’annuncio della piattaforma di blogging e microblogging arriva pochi giorni dopo la sua cancellazione dell’App Store di Apple a causa di alcuni contenuti considerati come materiale pedo-pornografico che non sono stati eliminati in tempi brevissimi dagli amministratori del social media. Per non cadere più in limitazioni o sanzioni di questo tipo Tumblr ha deciso di eliminare ogni contenuto legato al porno e alle scene di sesso esplicito. La limitazione non vale solo su  foto e video ma anche per le GIF postate su Tumblr. Le illustrazioni e l’arte che presentano delle nudità sono ancora accettabili ma solo nel caso in cui non siano raffigurati atti sessuali. Mentre non dovrebbero esserci restrizioni per contenuti come l’allattamento al seno e le foto post-parto.

Come funziona la censura al porno di Tumblr

A partire dal 17 dicembre 2018 eventuali post con contenuti pornografici espliciti verranno segnalati e cancellati da dei particolari algoritmi di controllo sviluppati dal social media. Si tratta di sistemi automatici di censura già visti su altre piattaforme come Facebook o Instagram in tempi recenti. Per il momento Tumblr invierà un’e-mail agli utenti che hanno pubblicato dei particolari contenuti per adulti individuati dagli algoritmi e li avviserà che la loro foto o il loro video sarà nascosto alla vista di tutti gli altri iscritti al social. I post con contenuti pornografici saranno impostati in automatico come privati, il che impedirà la condivisione nella community di Tumblr.

Ogni utente potrà comunque contestare la decisione presa dal social e difendere la propria foto o il proprio video come un’espressione artistica della nudità umana rispondendo all’e-mail sopra citata. In quel caso gli sviluppatori considereranno manualmente il contenuto senza affidarsi agli algoritmi e decideranno se la scelta del sistema automatico di controllo è stata giusta o meno.

Contenuti sponsorizzati