540bc16fdd19e0ec95edb1e9cc2afc66.jpg Fonte foto: ANSA
TECH NEWS

Usa chiede a Uber più diritti autisti

E piattaforma sospende driver che faceva streaming corse

(ANSA) – ROMA, 23 LUG – Dopo la Gran Bretagna, anche le autorità americane chiedono a Uber di riconoscere agli autisti lo status di dipendenti. Un nuovo caso che può ribaltare gli equilibri della cosiddetta ‘gig economy’, che in Italia vede in primo piano le battaglie di chi fa consegne a domicilio.

Intanto, la piattaforma, sempre negli Stati Uniti ha sospeso un autista, che lavorava anche per la rivale Lyft, per aver fatto lo streaming e messo sui social della corsa di un cliente.

Le autorità di New York – secondo il sito Engadget – hanno raggiunto una decisione che potrebbe cambiare il modo in cui i conducenti di Uber sono classificati, almeno per quanto riguarda l’assicurazione relativa alla disoccupazione. Si sono pronunciate in favore di tre ex autisti che hanno intentato una causa contro la società per la richiesta di assicurazione sulla disoccupazione fatta nel 2016 e non accettata. Secondo le autorità Usa, la decisione non si applica solo a loro ma anche ad altri autisti Uber “in posizione simile”.

Contenuti sponsorizzati