vodafone Fonte foto: Yannick Morelli / Shutterstock.com
TECH NEWS

Vodafone, stop alle rimodulazioni per almeno sei mesi

Vodafone si impegna a bloccare le rimodulazioni per i primi sei mesi per i clienti che attivano nuove offerte voce e dati

Vodafone e Agcom hanno trovato un accordo che impegna l’operatore telefonico a cambiare vision e regole sul tema delle rimodulazioni. Gli aumenti degli abbonamenti mensili è sempre uno dei tempi più odiati e più ostici per milioni di utenti e l’Agcom (l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) in questi anni ha sempre cercato di prendere le difese degli utenti, cercando una mediazione o comminando delle multe ai vari operatori.

Con Vodafone non si è arrivati a tanto perché si è trovato un accordo su un documento programmatico che obbliga l’operatore a rispettare alcune regole in difesa dei diritti degli abbonati. La più importante riguarda lo stop alle rimodulazioni per le offerte voce e dati attivate da meno di sei mesi. Un impegno importante e che non può che far felici gli utenti che decidono di attivare una nuova offerta dell’operatore telefonico. Anche gli altri cinque impegni assunti da Vodafone riguardano una maggior trasparenza informativa e un ventaglio più ampio di opzioni per il recesso. Ecco tutto quello che i clienti Vodafone devono sapere.

Vodafone, cosa prevede l’accordo con Agcom

Partiamo dall’inizio, dall’azione che ha convinto Agcom a intervenire nei confronti di Vodafone. A febbraio scorso l’autorità indipendente ha contestato a Vodafone di aver violato l’articolo 70 del Codice delle comunicazioni elettroniche a causa di una rimodulazione che portava alcuni utenti a pagare 5 euro in più per delle SIM che in realtà non utilizzavano. Per chiudere la controversia Vodafone ha presentato un documento programmatico con impegni ben precisi che Agcom ha definitivamente accettato il 22 luglio.

Tra questi sei impegni, il più importante è quello di cui abbiamo già parlato: lo stop di sei mesi a modifiche contrattuali per i clienti che hanno attivato nuove offerte voce e dati. Questo vuol dire che se una persona attiva un abbonamento con Vodafone, peri primi sei mesi non dovrebbe subire rimodulazioni.

Inoltre, Vodafone si impegna a rendere più chiara anche le informative su eventuali cambi di offerta o modifiche contrattuali con una nuova sezione che verrà aggiunta nella propria area personale. Il terzo impegno, invece, prevede più informazioni in fase di chiusura del contratto. L’operatore telefonico promette anche più opzioni di recesso in caso di rimodulazioni delle offerte.

Infine, Vodafone informerà AGCOM ogni volta che vorrà effettuare una modifica alle condizioni contrattuali e creerà un’unità di vigilanza per verificare che tutti gli impegni presi verranno rispettati.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963