whatsapp-iphone Fonte foto: Worawee Meepian / Shutterstock.com
TECH NEWS

WhatsApp più sicuro: come si sbloccherà su iPhone

Gli sviluppatori stanno sviluppando un sistema che chiederà agli utenti l’impronta digitale ogni volta che tenteranno di accedere alle chat di WhatsApp

10 Gennaio 2019 - WhatsApp, grandi novità per il futuro: secondo i ragazzi di WaBetaInfo, profilo Twitter che anticipa le nuove funzionalità dell’applicazione di messaggistica, ben presto verrà rilasciato un nuovo sistema che renderà più sicure le proprie conversazioni e il proprio account.

Era diverso tempo che gli utenti chiedevano un nuovo modo per proteggere le conversazioni da occhi indiscreti e sembra che finalmente gli sviluppatori di WhatsApp abbiano deciso di ascoltare le loro richieste. Come riporta WaBetaInfo, nella versione beta di WhatsApp per iPhone è stata aggiunta una nuova funzionalità che una volta attiva obbligherà l’utente a utilizzare il Touch ID o il Face ID per accedere alle chat. Un sistema di protezione molto avanzato e che bloccherà qualsiasi tentativo da parte di colleghi curiosi o degli hacker di entrare all’interno delle proprie conversazioni e leggere i messaggi.

Come funzionerà il nuovo sistema di sicurezza di WhatsApp

La funzionalità è inserita nelle impostazioni privacy di WhatsApp e sarà l’utente a decidere se attivarla. Quando deciderà di farlo, ogni volta dovrà utilizzare l’impronta del proprio dito o il riconoscimento facciale per accedere alle conversazioni, anche se lo smartphone è stato già sbloccato. Nel caso in cui tutti i tentativi a disposizione fallissero, verrà richiesto il codice di sblocco dell’iPhone.

Il nuovo sistema è ancora alle fasi iniziali dello sviluppo e prima che venga rilasciato ufficialmente bisognerà aspettare almeno un paio di mesi. Per il momento è presente solamente nella versione beta di WhatsApp per iPhone e non si hanno notizie se verrà resa disponibile su Android.

Chi vuole testare la nuova funzionalità che aumenta la sicurezza di WhatsApp dovrà scaricare la versione beta dell’applicazione.

Contenuti sponsorizzati