Kaomoji Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Windows 10 supporterà i kaomoji: cosa sono e come si usano

Windows 10 May 2019 Update propone tante novità: ci sono anche le kaomoji, emoji giapponesi. Scopri cosa sono e come usarle

22 Maggio 2019 - È iniziata da poche ore la distribuzione di Windows 10 May 2019 Update, aggiornamento massivo del sistema operativo della casa di Redmond. Diverse le novità presenti nell’aggiornamento di maggio: dalla funzione sandbox alla separazione tra Cortana e ricerca di Windows, fino all’accesso rapido ai Kaomoji, le emoji giapponesi.

Questi simpatici simboli, proprio come le comuni emoticon, comunicano tristezza, gioia, felicità e altri stati d’animo. Invece si essere raffigurati dai disegni e immagini, vengono rappresentati dalla combinazione creativa dei caratteri tipografici presenti in tutte le tastiere. E così, può nascere una faccia sorpresa come questa (╯ ° □ °) ╯o una figura divertita come quest’altra ¯ \ _ (ツ) _ / ¯ . I kaomoji possono già essere usati dagli utenti che hanno installato l’aggiornamento nel loro computer e sono perfettamente funzionanti, perché testati con successo il mese scorso in diversi computer.

Kaomoji: cosa sono e come si usano

Il mondo delle emoticon in Giappone non si risolve con uno smile, ma è abbastanza complesso. Accanto alle famose emoji, infatti esiste un altro gruppo di “faccine” chiamati Kaomoji. Mentre le prime sono realizzate tramite immagini e piccoli disegni, i secondi sono rappresentati da caratteri tipografici: trattini, punti fermi, virgole, asterischi e così via. I Kaomoji sono come le sillabe, possono essere combinati tra loro per creare espressioni sempre più complesse. Per esempio, ci sono i kaomoji di base per esprimere senso di rabbia, che possono essere integrati con altri simboli per comunicare che si è arrabbiatissimi. E questo vale per ogni emozione e stato d’animo. Possono essere usati anche per creare dei MEME o addirittura delle vere e proprie storie, proprio come già succede in Giappone e nei paesi asiatici.

L’aggiornamento di Windows 10 ha introdotto l’inserimento veloce delle Kaomoji, a cui si può accedere tramite lo stesso collegamento usato per le emoji, cioè digitando dalla tastiera Windows + . (punto fermo). Questa è tra le novità più interessanti, anche perché permette agli utenti di tutto il mondo di comunicare in modo più ricco ed efficace, usando nuove e divertenti simbologie.

Altre novità di Windows 10 May Update

Accanto alle Kaomoji, il sistema operativo ha introdotto una nuova funzione chiamata Windows Sandbox, che ha destato molta curiosità nelle anticipazioni. Si tratta di un ambiente protetto che permette agli utenti di testare app e software senza correre il rischio di infettare l’intero sistema informatico. Tra le altre novità c’è anche un nuovo layout semplificato per il menu Start e un login a Windows, che non si limita alla password ma permette di usare metodi più sicuri come il numero di telefono a cui inviare un codice di verifica. Infine, gli utenti più esigenti saranno felici di trovare una nuova app Office su Windows 10 pensata per lanciare e modificare ogni tipo di documento. Non mancano piccoli ritocchi a Cortana che si stacca per la prima volta dalla ricerca interna, oltre alla correzione di alcuni bug che migliorano l’esperienza dell’utente.