smartphone-ricarica Fonte foto: Shutterstock
ANDROID

Xiaomi, batteria carica in 17 minuti con nuovo adattatore

Xiaomi ha realizzato un caricabatterie da 100 Watt in grado di ricaricare lo smartphone in soli 17 minuti. Ecco come funziona

26 Marzo 2019 - La tendenza dei nuovi smartphone top di gamma 2019 è quella di integrare batterie sempre più capienti, nel range dei 3.500-4.000 mAh, per garantire una autonomia di almeno un giorno anche con schermi da sei pollici e oltre.

Ma per caricare batterie così grandi ci vuole tempo, molto tempo. Per questo i produttori di dispositivi elettronici stanno puntando anche a nuovi caricabatterie superveloci, in grado di ricaricare gli accumulatori più capienti in poche decine di minuti. L’ultimo di questi caricabatterie lo ha presentato Xiaomi e ha prestazioni eccezionali: una batteria da 4.000 mAh ricaricata al 100%, partendo da zero carica, in appena 17 minuti.

Come funziona la ricarica Xiaomi

Il segreto di questo caricatore è la potenza: ben 100 Watt, decisamente molto di più del caricatore da 50 Watt che accompagna il nuovo smartphone pieghevole Huawei Mate X ed esattamente il doppio del SuperVOOC Charger da 50 Watt venduto da Oppo. Ben distanti restano Samsung e OnePlus, i cui caricabatterie hanno una potenza rispettivamente di 15 e 30 Watt. Il nuovo caricatore ultraveloce di Xiaomi è stato annunciato con un video dal boss dell’azienda Lin Bin: nel filmato si vede come esso sia nettamente più veloce a fare il pieno ad una batteria da 4.000 mAh rispetto a quello da 50 W di Oppo, che impiega più tempo a ricaricare una batteria da 3.700 mAh. Questo nuovo caricabatterie Xiaomi arriverà presto sul mercato di massa, come ha confermato anche Lu Weibing che guida il brand Redmi, divisione low cost di Xiaomi.

Ma non tutti gli smartphone saranno in grado di sfruttarlo al 100%, perché la reale quantità di energia che entra nella batteria di un cellulare sotto carica dipende da molti fattori ed è sempre regolata dal dispositivo, non dal caricabatterie. E’ noto, ad esempio, che a parità di smartphone e di caricabatterie la ricarica è più veloce se il cellulare viene ricaricato da spento. Questo perché, quando tutta l’elettronica del dispositivi è spenta tranne quella che gestisce la ricarica, è possibile far passare più energia senza rischiare che qualche chip subisca danni. Se guardiamo al caricatore SuperVOOC di Oppo, poi, solo alcuni smartphone dell’azienda sono compatibili con tale caricabatterie: R17 Pro, Find X e Find X Automobili Lamborghini Edition. Xiaomi, invece, non ha ancora reso noto quali saranno i suoi cellulari compatibili con il caricabatterie ultraveloce da 100 Watt.

Contenuti sponsorizzati