Libero
youtub music Fonte foto: Youtube Music
APP

YouTube Music: addio ai video nella versione gratuita

Gli utenti che utilizzano il piano gratuito di abbonamento al servizio di streaming musicale dovranno presto dire addio a uno degli elementi portanti della piattaforma

Manca ormai pochissimo tempo all’ondata di cambiamenti che sta per coinvolgere YouTube Music, la sezione di YouTube completamente dedicata al mondo delle sette note e concorrente diretto (ma con meno successo) di Spotify. In particolare, a essere interessata alla piccola rivoluzione sarà tutta quella fetta di utilizzatori che vi accedono attraverso un abbonamento gratuito: ecco perché.

È iniziata ad ottobre la serie di novità introdotte nel servizio di streaming musicale di Google nato da una costola di quello più noto e dedicato al mondo dei video. Dopo l’integrazione su Wear Os, il sistema operativo completamente orientato agli indossabili del colosso dell’informatica che ora integra anche l’app per la musica, l’attenzione passerà direttamente alla nuova esperienza utente. Il profondo rinnovamento dei piani di abbonamento introdurrà in prima battuta anche per quello gratuito l’ascolto in background, ovvero quando l’app non è in primo piano sullo schermo dello smartphone o del tablet. E non finisce qui, visto che proprio per gli stessi utenti verrà presto a mancare un dettaglio particolarmente importante dell’intera esperienza utente.

YouTube Music, addio ai video

Con l’evoluzione che interesserà YouTube, saranno i video – colonna portante della piattaforma principale di streaming – a finire nella lista degli assenti. A breve gli utenti con sottoscrizione gratuita non avranno più l’opportunità di visualizzare le clip musicali durante l’ascolto della musica.

Tale prerogativa verrà riservata esclusivamente a coloro che avranno scelto un piano a pagamento di tipo Premium, che avrà proprio questa come caratteristica insieme ad altre utili funzionalità. Si tratta di un cambio di rotta netto, che limiterà l’accesso tramite YouTube Music alla componente visiva delle canzoni, elemento a cui molti utenti non amano rinunciare durante l’ascolto. In ogni caso non sarà un addio definitivo, visto che sulla piattaforma principale saranno sempre a disposizione per tutti gli utenti, iscritti al servizio premium o meno.

YouTube Music, i nuovi abbonamenti

I piani per l’ascolto di musica con il prodotto di YouTube varieranno, rimanendo comunque fondamentalmente due: uno gratuito, con pubblicità a intervallare i brani ma senza video, e un secondo on-demand, questa volta a pagamento. Diverse saranno le feature proposte per ognuno di essi.

La versione gratuita permetterà la riproduzione casuale delle canzoni, anche in background, con mix personalizzati creati dall’app in base ai gusti dell’utente. Inoltre, saranno disponibili playlist suddivise per generi come per l’ascolto durante particolari momenti della giornata, come il lavoro o l’allenamento. Per quanto riguarda la versione Premium, invece, si aggiungeranno le clip con switch Song/Video (finora disponibile per tutti), insieme alla possibilità di saltare da un brano all’altro con lo skip senza limiti oltre, ovviamente, all’assenza degli spot pubblicitari.

YouTube Music, quando il cambiamento?

La data ufficiale del passaggio ai nuovi piani e, di conseguenza, della limitazione alla riproduzione dei video, è prevista per il 3 novembre; si inizierà con il Canada per poi raggiungere il resto del mondo. A oggi, però, l’azienda non ha ancora presentato un calendario completo a livello mondiale del passaggio; bisognerà dunque attendere le prossime settimane per poter scoprire quando l’Italia sarà interessata in maniera diretta.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963