youtube Fonte foto: Kaspars Grinvalds / Shutterstock.com
TECH NEWS

YouTube sospende l'alta definizione dei video in tutto il Mondo

YouTube decide di abbassare la qualità dei video per un mese per diminuire il consumo di banda dati. Ecco cosa cambia per gli utenti

Dopo l’Europa, il Regno Unito e la Svizzera, ora tocca al resto del mondo: Google ha deciso di abbassare la risoluzione dei video di YouTube al fine di risparmiare banda dati, un bene prezioso in questo momento in cui più di un miliardo di persone sono costrette a stare a casa a causa della pandemia di Covid-19.

La decisione è stata comunicata tramite una apposita pagina del supporto online di YouTube, dedicata agli update relativi alla pandemia in corso. Nella pagina si legge che di cambiamenti ne potrebbero arrivare anche altri, nei prossimi giorni: “L’impatto del coronavirus (COVID-19) si evolve di giorno in giorno. Per favore, controlla spesso questa pagina per sapere come YouTube sta affrontando questa situazione“. L’ultimo aggiornamento è del 24 marzo 2020 e comunica proprio questa novità nella gestione della risoluzione dei video. Ecco cosa è cambiato realmente e perché.

YouTube a bassa definizione: come stanno le cose

Google comunica che “Data la natura globale della crisi, stiamo espandendo a tutto il mondo le misure intraprese la settimana scorsa in UE, Regno Unito e Svizzera“. Le misure in questione consistono nella riproduzione dei video, di default, a risoluzione standard. Cioè 480p, un francobollo rispetto alle recenti evoluzioni della tecnologia applicata a YouTube, che ha portato la risoluzione a 1440p e 2160p (cioè 4K UHD). Google sta applicando gradualmente questa novità in tutti i Paesi in cui è disponibile YouTube.

YouTube: l’alta definizione non è sparita

In realtà, però, YouTube non ha realmente disattivato l’alta risoluzione perché è ancora possibile vedere i video ad una risoluzione superiore al 480p. Solo che bisogna sceglierlo manualmente, agendo sull’ingranaggio in basso a destra nei video. Prima dell’emergenza Covid-19, invece, YouTube calcolava automaticamente la risoluzione migliore a cui farci vedere i video in base alla velocità di connessione che rilevava. Ma non solo: tale risoluzione era dinamica e veniva cambiata “al volo” se YouTube rilevava un calo della banda disponibile. Tutto questo in linea di massima resta, ma adesso quando faremo play su un video di YouTube lo vedremo sempre in risoluzione SD. Spetterà a noi scegliere se accettare questo compromesso, e risparmiare banda dati utile per tutti, o fare gli egoisti e alzare manualmente la risoluzione.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963